Zidane snobba la Juventus: ‘Non è al livello del Real Madrid’

Ecco le emozioni di Zidane raccontate in una intervista concessa a La Repubblica, sul proprio passato in maglia bianconera.

Zinedine Zidane non teme la Juventus nella lotta per la conquista della Champions. In una intervista rilasciata a Repubblica, l’ex giocatore bianconero, attuale allenatore delle merengues, ha fatto una analisi delle possibili avversarie dei bianconeri nella lotta verso l’ambito trofeo, ma ha anche parlato del suo passato bianconero.

Zinedine Zidane, tecnico delle merengues.

‘Devo molto alla Juventus – ha dichiarato il tecnico franco-algerino – ci arrivai a 24 anni, dal Bordeaux, e per me fu un salto in avanti. Non è un club ai livelli del Madrid, che è il più grande di tutti, ma imparai moltissimo, crebbi come calciatore e come uomo’.

I primi approcci con il calcio italiano furono tutt’altro che esaltanti, ma successivamente Zizou si dimostrò una stella di prima grandezza: ‘I primi tempi giocavo male, non ero inserito, tutti dicevano che ero un acquisto sbagliato. Solo Marcello Lippi credeva in me. Alla fine ebbe ragione lui. Vincemmo un paio di campionati e giocammo una finale di Champions, perdendola’. .

Ma le emozioni più forti Zidane le ha provate nel debutto al Bernabeu: ‘Non avevo mai neppure giocato lì, fui presentato al pubblico, provai un’emozione indimenticabile, come uomo e come calciatore, e mi dissi: Qui starò da dio. E farò cose meravigliose’.

Secondo il campionissimo francese non esiste un vero e proprio erede di Zidane, o almeno al momento non se ne vede uno all’orizzonte: ‘Non mi piacciono i paragoni, ma uno Zidane adesso non esiste proprio. Ero unico’.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*