Yonghong Li ha deciso la sorte di Montella: ma da oggi niente più attenuanti

Il Milan di Vincenzo Montella ha balbettato in questa stagione, nonostante tutto la proprietà cinese ha deciso di rinnovare la fiducia al tecnico.

Sarà ancora Vincenzo Montella il tecnico del Milan per la prossima stagione. Questa è l’indiscrezione diffusa stamattina sulle colonne de ‘Il Giornale‘ il quotidiano di proprietà della famiglia Berlusconi. ‘Il Milan mette fine ai dubbi di Montella’ è il titolo che campeggia sulla pagina sportiva del quotidiano milanese che di fatto scioglie i nodi su tutte le perplessità che la cordata cinese ha avuto sulla futura conduzione tecnica del club rossonero.

E’ stato lo stesso aeroplanino, a fine gara dopo il pareggio per 1-1 contro l’Atalanta, a confermare di aver trovato l’intesa con la società, fugando ogni dubbio. Non si può certo dire che alla sua prima stagione in maglia rossonera, Montella abbia saputo dare un’impronta di gioco affidabile alla squadra. Il progetto di Milan che lui aveva in testa si è manifestato solo a sprazzi in questa stagione, soprattutto nella fase iniziale del campionato.

In cascina ha portato del fieno prezioso come la Supercoppa italiana, ma il finale di stagione assai lento sta rischiando di mettere in discussione l’ultimo e unico obiettivo stagionale: la qualificazione in Europa League. Nelle ultime 5 gare, il Diavolo ha racimolato la miseria di tre soli punti frutto di tre pareggi contro Inter, Crotone e Atalanta. Due dei quali sono arrivati solo in extremis, passando sempre in svantaggio per primi.

Un cammino non certo decoroso per una squadra che era partita con ben altri obiettivi. E se per alcune sfide è valsa l’attenuante della sfortuna, per le troppe occasioni propizie fallite, la prestazioni scialba di Bergamo di attenuanti ne ha davvero poche. Adesso sarà compito di Yoshong Li accontentare le pretese del tecnico partenopeo, ma dal prossimo mese di settembre le attenuanti saranno ridotte al minimo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*