WrestleMania sarà a porte chiuse e in due giorni

Siamo nel pieno dell’emergenza del coronavirus, che da qualche settimana a questa parte sta stringendo in una morsa l’intero pianeta, e l’Italia in particolare. Anche il mondo dello sport sta pagando un dazio elevatissimo, e quasi tutte le attività sono state fin qui sospese. A provare a opporre una strenua resistenza è il wrestling, specialmente la WWE, trovatasi a gestire una situazione scomodissima proprio alle porte del più importante evento dell’anno. Mancano infatti pochi giorni a WrestleMania, il celeberrimo show che si tiene ogni mese di aprile. E, per la prima volta dalla sua istituzione, stavolta si terrà a porte chiuse.

WrestleManiaUna decisione dolorosa ma necessaria, per una WrestleMania, la 36, che in un modo o nell’altro passerà alla storia. La compagnia dei McMahon, visto il dilagare del coronavirus negli Stati Uniti, non ha potuto far altro che adottare questa decisione, apportando anche altre modifiche per meglio gestire la situazione. Questa WrestleMania, infatti, in via del tutto eccezionale verrà disputata nell’arco di due giorni, sia per evitare l’assembramento di troppi atleti e addetti ai lavori, sia per gestire meglio le location, che verranno decise ad hoc anche in base alla disponibilità e alle difficoltà di traporto dei lottatori. Appuntamento quindi per sabato 4 aprile e domenica 5 aprile, a partire dalle ore 01:00.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*