Vettel ingordo: “Clima cambiato, in Cina per ripeterci”

È stato un Sebastian Vettel euforico, quello che ha parlato dinanzi alle telecamere, alla vigilia dei test per la seconda gara del campionato mondiale di Formula 1. Dopo la roboante vittoria conquistata a Melbourne, che in qualche modo pare aver rilanciato le ambizioni della Ferrari in chiave vittoria, adesso il pilota tedesco non vuole proprio saperne di fermarsi, e lancia la sfida anche per la prossima corsa. Domenica, infatti, nel circuito Shanghai International, la Rossa tenterà di ripetersi, per candidarsi definitivamente come una delle favorite al titolo.

Ferrari Vettel“Certo, l’anno scorso molte cose non girarono per il verso giusto”, ha detto Vettel, “ma la stagione non fu così negativa come la dipingono adesso. Tuttavia, ora molte cose sono sicuramente cambiate: si respira un clima diverso, il team è cresciuto, ci sentiamo tutti quanti a nostro agio. A Melbourne c’è stata grande soddisfazione per tutti, ed è stato bello restituire un po’ di gioia soprattutto dopo il gran lavoro svolto in inverno. La pista cinese tuttavia è molto differente, ed è molto difficile fare previsioni. Dopotutto”, prosegue il corridore teutonico con una battuta, “anche il meteo è parecchio in certo. Quel che conta, tuttavia, è che dopo la vittoria in Australia vogliamo trovare continuità e ripetere quel che abbiamo cominciato.”

Vettel non manca poi di fare alcune osservazioni sui diretti avversari, soprattutto sulla Mercedes di Lewis Hamilton e di Bottas. “Credo sia giusto sostenere che la Mercedes sia ancora la scuderia favorita per la vittoria finale. Tuttavia noi siamo cresciuti molto, e valuteremo gara per gara, una pista alla volta. Abbiamo un’ottima macchina, siamo molto più veloci adesso. Nel serbatoio abbiamo molto più carburante, le gomme durano di più e le vetture sono più pesanti. Probabilmente sono le più veloci che abbiamo avuto in questi anni. C’è positività: cercheremo di trasportare questa positività in pista, per continuare da dove abbiamo cominciato.”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*