Il Vettel euforico: “un piacere guidare questa macchina”

A partire da questo weekend, e praticamente fino a metà stagione, il campionato mondiale di Formula 1 assumerà una cadenza di una gara ogni due settimane. Il torneo, giunto alla 68° edizione, per il momento ha visto solamente tre atti, tuttavia tutti molto interessanti ed estremamente combattuti, gomma su gomma, curva su curva. A destare maggior clamore, chiaramente, ci ha pensato la Ferrari: la scuderia italiana, infatti, pare essere finalmente tornata competitiva, tanto che al momento domina sia la classifica dei piloti (con Sebastian Vettel) che quella costruttori (staccando di pochissime lunghezze i rivali di Mercedes). Certo, la strada che porta alla vittoria è ancora molto lunga, ma il team rosso non può non nutrire un certo ottimismo nei confronti del futuro. Stesso discorso vale per lo stesso Vettel, che pista dopo pista sta dimostrando quell’entusiasmo e quell’euforia che gli erano mancate nella stagione scorsa.

Ferrari VettelNon a caso, in una recente intervista, l’attuale leader della classifica piloti ha risposto alle domande dei giornalisti con grande fiducia. Fra i maggiori meriti, peraltro, Vettel non manca di inserire anche la nuova vettura, la Ferrari SF70H, divenuta finalmente competitiva ad alti livelli. “Guidare questa macchina”, ha dichiarato il corridore teutonico, “è sempre un grande piacere. Sarebbe stato bello anche provare un po’ di più”, ha poi continuato Vettel, dopo la tornata di test in Bahrein per provare le gomme Pirelli per la stagione 2018, “ma in mattinata abbiamo avuto qualche piccolo problema. Una cosa comunque normale durante questi test, e ad ogni modo i tempi contano poco, visto che non siamo a conoscenza del programma svolto dagli altri.”

Adesso, naturalmente, si punta tutto sulla prossima corsa, che verrà disputata il prossimo 30 aprile presso il Sochi International Street Circuit, in Russia. La caccia al trono, reso vacante dal ritiro di Rosberg, continua. E quest’anno, con Vettel, c’è un pretendente in più.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*