Marco Verratti rinnova con il Paris Saint Germain

Sono ormai passati quattro anni, da quando il Paris Saint Germain ha strappato al Pescara Marco Verratti, già allora ritenuto come uno fra i più interessanti e talentuosi prospetti calcistici italiani degli ultimi dieci anni. La cifra con la quale il ricco club francese rilevò il cartellino del giovane regista, da molti considerato l’erede di Andrea Pirlo, fu di circa 12 milioni di euro: considerati evidentemente troppi, allora, per un giocatore sì di talento, ma troppo acerbo e proveniente dalla Serie B.

Verratti Paris Saint GermainFa un po’ specie pensare a come si mangeranno le mani, ora, i tanti club italiani, Juventus su tutte, al pensiero di quel che Marco Verratti è diventato adesso.

Verratti, classe ’92, in soli quattro anni è riuscito a conquistarsi il centrocampo del Paris Saint Germain, divenendone uno dei punti fermi. Cresciuto esponenzialmente in una squadra colma di campioni, a neanche 24 anni è riuscito a collezionare tutti i titoli possibili e immaginabili in terra transalpina, divenendo pluricampione di Francia.

Il costo del suo cartellino, dall’estate del 2012, è ormai decollato, tanto che probabilmente persino un’offerta di 50 milioni, ora come ora, verrebbe rigettata dalla squadra parigina. Che, per inciso, non pensa proprio a cedere il proprio giovane campione, anzi: gli ha addirittura fatto firmare un rinnovo di contratto.

Proprio così: Marco Verratti è ormai stato blindato dal Paris Saint Germain. Con la maglia del club francese, l’abruzzese ha messo insieme oltre 150 presenze, e, pur se i gol segnati finora sono stati pochini (appena tre in tutte le competizioni), la sostanza, gli assist, le giocate e l’intelligenza tattica messa al servizio della squadra hanno un valore a dir poco incalcolabile.

Verratti, dunque, rinnova fino al 2021 con il Paris Saint Germain. È la fine dei sogni di gloria della Juventus, che avrebbe voluto provare a riportarlo in Italia per rinforzare il proprio centrocampo, rimasto orfano di Paul Pogba.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*