Trionfo Juventus, un Dybala formato Champions travolge il Barcellona

Una doppietta di Dybala e una rete di Chiellini consentono alla Juventus di ottenere un largo successo su un Barcellona privo di idee.

E’ senza dubbio Paulo Dybala il protagonista del 3-0 con il quale la Juventus si sbarazza del Barcellona in casa e pone una seria ipoteca per la conquista della semifinale di Champions League. La Joya juventina segna, incanta e regala sprazzi di magia sotto gli occhi annichiliti di Messi e Neymar, questa sera neutralizzati da una super difesa.

Se Dybala è il protagonista in attacco, senza dubbio Chiellini è il muro difensivo che impedisce al tridente azulgrana di poter far male alla porta di Buffon. Il difensore toscano sigla anche la rete del 3-0, incornando perfettamente su corner nella ripresa. Nel primo tempo è Dybala a portare la Juventus al doppio vantaggio, facendo breccia sulla sguarnita e distratta difesa del Barcellona, apparsa davvero ben poca cosa.

In mezzo al campo, la trasmissione di palla della squadra di Luis Enrique è molto lenta e solo qualche lampo di classe di Messi consente agli ospiti di creare qualche grattacapo alla retroguardia juventina. Troppo lento e compassato Umtiti, mentre Iniesta predica nel deserto riuscendo a trovare solo raramente i propri compagni smarcati in mezzo alle fitte maglie della difesa della Juventus. Adesso servirà ancora un altro miracolo sportivo al Camp Nou per rimettere in gioco il discorso qualificazione per un Barcellona che ha sofferto troppo l’organizzazione difensiva sapientemente predisposta da Allegri.

Più in ombra Higuain che prova a trovare il pertugio per impensierire Ter Stegen, ma che solo raramente riuscirà a concludere con pericolosità. Sempre utilissimo il lavoro di Cuadrado e Mandzukic che portano acqua al mulino, recuperando palloni a iosa. Totalmente nullo l’apporto in attacco di Suarez e Neymar, ben controllati da una difesa ermetica. L’appuntamento al Camp Nou è per la sfida di ritorno che si giocherà mercoledi 19 aprile.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*