Trento in paradiso, distrutta Milano: è finale! Venezia sul 3-2 contro Avellino, stasera gara 6

La caduta degli dei. Milano, campione in carica e strafavorita per la vittoria finale, viene pesantamente maltrattata da Trento, che si prende la soddisfazione di eliminare la corazzata Olimpia e di infliggerle addirittura tre sconfitte su tre gare disputate al Forum di Assago.

La truppa allenata da coach Buscaglia corona così una stagione davvero sensazionale, chiusa con il quarto posto in regular season e proseguita nel migliore dei modi in questi playoff. Ora tutta la città vive un sogno: quello della finalissima scudetto – prima volta nella storia – con la possibilità più che concreta di centrare un titolo leggendario.

Dall’altra parte, la situazione è qualcosa di molto simile ad una polveriera. Anche il primo posto in regular season non aveva convinto molti tifosi di Milano, nè tantomeno molti addetti ai lavori. D’altronde, i segnali erano apparsi piuttosto evidenti già in Eurolega. Il cammino continentale dell’EA7 è stato davvero insufficiente, nonostante il patron Armani ad inizio stagione avesse chiesto tutt’altro approccio (e risultati). Certo, la vittoria nelle Final Eight di Coppa Italia è servita ad addolcire la pillola e a salvare una stagione che altrimenti sarebbe risultata fallimentare sotto tutti i punti di vista. Ma non è detto che basti per permettere a Repesa di mantenere il posto in panchina: si parla già di possibili sostituti, tra cui lo stesso Maurizio Buscaglia. Che però, al momento, ha altro a cui pensare…

L’altra semifinale, come prevedibile, vive all’insegna dell’equilibrio. La Reyer Venezia è riuscita ad aggiudicarsi gara 5 e ora si trova avanti 3-2 nella serie. Ma stasera il PalaDelMauro sarà il solito catino infernale: coach Sacripanti punta anche sul fattore ambientale per intimorire gli uomini di De Raffaele e portare la serie all’ultimo atto. Venezia, invece, ha la grande chance di chiudere i discorsi già questa sera: palla a due ore 20:45, diretta Rai Sport HD e Sky Sport 1 HD.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*