Toccata e fuga, Kalinic sempre più lontano da Firenze

Stando a guardare questo primo scorcio di calciomercato estivo, ormai appare sempre più chiaro che sarà una stagione complicatissima per la Fiorentina. Il club viola, di fatto, è suo malgrado protagonista di un clamoroso esodo, che sta per veder partire quasi tutti i pezzi pregiati della rosa. Già detto addio a Ilicic (andato all’Atalanta), Borja Valero (Inter), e Gonzalo Rodriguez (San Lorenzo), la squadra toscana potrebbe salutare molto presto anche Tatarusanu, Vecino e Bernardeschi. Oltre, naturalmente, a Nikola Kalinic, sulla cui cessione si parla da ormai diverso tempo.

KalinicSu Kalinic si è buttato da alcune settimane il Milan, che però lo considera come il piano B nel caso in cui non dovesse arrivare in rossonero un attaccante top. Il bomber croato, ad ogni modo, non ha mancato di recente di far pervenire un certo malumore, facendo intere di gradire molto l’interessamento del Milan nei suoi confronti. Si è anche parlato di quelle che potrebbero essere le cifre per chiudere l’affare, con la Fiorentina non disposta a sedersi al tavolo per non meno di 30 milioni di euro. Il club rossonero, chiaramente, vorrebbe abbassare questa quota, o perlomeno inserire qualche contropartita tecnica.

Intanto Nikola Kalinic continua ad andare e venire dal ritiro viola, tanto che nelle scorse ore lo ha lasciato nuovamente. Le motivazioni ufficiali sono da ricercare in alcuni seri problemi familiari, che, per parola dello stesso attaccante croato, sarebbero sopraggiunti nello stesso momento di una rapina subita in casa. Ad ogni modo è veramente difficile non leggerci dei segnali di addio, che potrebbe concretizzarsi seriamente nei prossimi giorni, qualora il Milan decidesse di portare l’affondo definitivo.

I rossoneri, in questo modo, dopo un mercato a dir poco stellare, inserirebbero il tanto atteso bomber pesante nel reparto avanzato. La Fiorentina, viceversa, lancia degli allarmi a dir poco preoccupanti, che stanno sconfortando non poco i vari tifosi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*