Steven Zhang fa sognare i tifosi dell’Inter: ‘Conte ? E’ possibile….’

Ecco alcuni stralci dell’intervista rilasciata da Steven Zhang alla CNBC sulla difficile stagione dell’Inter e sulle prospettive future.

Steven Zhang, il figlio del patron dell‘Inter, ha concesso una intervista alla CNBC nella quale, ha parlato anche del futuro della squadra nerazzurra, fiore all’occhiello del colosso cinese che si sta affacciando con sempre maggiore convinzione al mondo del calcio europeo. Non poteva mancare la domanda sul possibile ingaggio di Antonio Conte, considerato ad oggi uno degli allenatori più bravi e vincenti al mondo, dopo lo scudetto conquistato con il suo Chelsea in Premier League.

Il nome di Antonio Conte è stato accostato più volte dalla stampa italiana e da quella inglese al futuro progetto tecnico di Suning: ‘Conte è una scelta possibile come qualsiasi scelta è possibile. Abbiamo bisogno di giocatori, allenatori e dirigenti che giochino e lavorino per il club con il cuore e con lo spirito giusto’.

Di certo la sua Inter, di recente, non ha messo in mostra il giusto spirito dopo aver subito 4 sconfitte consecutive che ne hanno quasi compromesso la qualificazione ai preliminari di Europa League: ‘Bisogna avere pazienza e fiducia. So che i tifosi amano la squadra e proveremo a fare del nostro meglio. Non si può cambiare tutto in un mese, ma per avere successo penso che investire in strategie a lungo termine sia la cosa più importante per questo club. Non ho dubbi che la squadra presto giocherà bene. E’ un’enorme responsabilità, anche per me personalmente’.

Le sue recenti foto con una Ferrari nuova fiammante subito dopo la sconfitta contro il Sassuolo ha scatenato una ridda di polemiche sui social network. I tifosi gli contestavano il fatto di avere acquistato una fuoriserie prodotta dall’azienda legata indissolubilmente alla Juventus. ‘Pensa alla squadra e meno alle macchine !!’ ha commentato un tifoso nerazzurro, chiedendo un maggiore sforzo economico a Suning per far crescere questa Inter che sta annaspando sempre di più.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*