Stefano Vecchi bacchetta l’Inter: ‘C’è poca voglia di fare sforzi in più..’

Stefano Vecchi non ha avuto parole tenere per i suoi giocatori nella conferenza stampa alla vigilia della sfida dell’Olimpico

Lazio-Inter sarà l’ultimo treno per l’Europa League per i nerazzurri. Nella conferenza stampa pre gara, l’attuale allenatore Stefano Vecchi che ha sostituito da poco Pioli, non ha voluto usare parole banali o di circostanza per stigmatizzare il momento difficile che sta attraversando la sua squadra.

‘Lo sforzo che stiamo facendo è quello di provare a tenere la squadra non solo dal punto di vista fisico, ma da quella mentale. La differenza è provare a superarsi, ad andare oltre la fatica e questa squadra sta facendo fatica dal punto di vista mentale. Non c’è voglia di fare uno sforzo in più. Se sembra una squadra di ragazzini e non di professionisti? No, succede ben più spesso di quanto non sembri. Basta guardare al Leicester’.

Inevitabilmente si è tornato a parlare di Gabigol, il gioiello brasiliano pagato a peso d’oro, che è stato impiegato con il contagocce. ‘Gabigol ha bisogno di giocare per essere al top. Avrebbe bisogno di giocare e qua ha fatto fatica perchè davanti a lui ci sono giocatori importanti. Pensate che Eder spesso è stato fuori ed è il titolare della Nazionale. Anche lui spesso ci mette del suo perchè è un ragazzo e spesso si è trovato demoralizzato per le mancate presenze. Domani non giocherà dal primo minuto’.

La brutta batosta interna contro il Sassuolo è già alle spalle: ‘Contro il Sassuolo ho visto una squadra che ci ha provato, che è partita bene, ma che poi ha subito con un errore grave. La squadra dopo le bastonate ha reagito. Poi l’ambiente non è stato facile da gestire. Non si può pensare che solo perchè ci chiamiamo Inter si vincano le partite. Abbiamo provato delle varianti sul modulo, ma vedremo anche come giocherà la Lazio per adattarci al loro modo di giocare’.

I troppi cambi di allenatore, secondo l’attuale tecnico, sono la causa di una stagione fallimentare, iniziata male e finita peggio: ‘L’Inter non può appoggiarsi ad un’idea di gioco consolidata perchè chiunque sia arrivato qui ha portato la sua idea di calcio e il suo modo di giocare. In questo momento è un’impresa uscire da questo momento difficile’.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*