Spreco Juventus, passa il Bayern

Nulla da fare per la Juventus nella gara di ritorno degli ottavi di finale di Champions League. Quel che accade all’Allianz Arena, però, è semplicemente incredibile, e via via che la gara si consuma, assume i contorni del paradossale.

Dati per stra-sfavoriti, infatti, e privi dei vari Chiellini, Marchisio e Dybala, i bianconeri passano dopo appena 5 minuti di gioco: pasticcio madornale della difesa bavarese, Pogba ne approfitta ed insacca a porta sguarnita. Juventus solidissima in questa fase della partita, impenetrabile dietro e letale nei pochi contropiedi che animano la prima frazione. Al 28° minuto, infatti, i piemontesi affondano ancora: magia di Morata, che fa a brandelli la difesa del Bayern superando un avversario dopo l’altro, assist per Cuadrado che, messo a sedere un difensore, batte Neuer sul suo palo. 2-0 Juve e tifosi bavaresi ammutoliti. Sempre Cuadrado, pochi secondi prima della fine del match, spreca il colpo del potenziale ko a tu per tu col portiere tedesco, semplicemente prodigioso nel respingere il tiro del colombiano. Da segnalare anche un gol ingiustamente annullato a Morata, tenuto in gioco per circa 90 centimetri.

Mandzukic JuventusNel secondo tempo, però, le energie della Juventus vanno via via esaurendosi, mentre Guardiola azzecca i cambi di Thiago Alcantara e di Coman, ex di turno, che si riveleranno poi decisivi. Diversamente da Allegri, che, forse troppo a cuor leggero, rileva Morata, Khedira e Cuadrado, stanchi ma decisivi fino a quel momento, per gli abulici Mandzukic, Sturaro e Pereyra. Nonostante un Barzagli imperioso, forse il migliore dei suoi, Lewandowski riapre il match al 73° con un colpo di testa, e, appena iniziato il recupero, al 91°, è Muller a firmare il pareggio, sempre di testa, su assist del giovane talento francese.

Sfumato un sogno accarezzato a lungo nel corso dei 90 minuti, la Juventus, stanca e ormai depressa per quel che sarebbe potuto essere e che poi non è stato, dopo un altro quarto d’ora di vane resistenze, cede al secondo tempo supplementare: Thiago Alcantara realizza il sorpasso al minuto 108, e due minuti più tardi, in contropiede, Coman chiude i conti sul 4-2 finale. Bianconeri che escono quindi dalla massima competizione europea fra mille rimpianti, dopo aver dilapidato un vantaggio che neppure il tifoso più ottimista avrebbe potuto sperare.

6 Trackbacks / Pingbacks

  1. Juventus, il derby per dimenticare Monaco - Tutto Sport
  2. Corsa Scudetto, è lotta a due - Tutto Sport
  3. Barcellona e Bayern ok - Tutto Sport
  4. Anche il Bayern cade a Madrid - Tutto Sport
  5. Euro 2016 a un mese dall’inizio: e l’ Italia? - Tutto Sport
  6. I 5 terzini destri più forti di sempre secondo noi - Tutto Sport

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*