Serie A, regna l’equilibrio: Brescia, Milano, Venezia e Avellino in testa a pari punti

milano brescia venezia avellinoBrescia non è riuscita a godersi nemmeno per un turno il nuovo primato in classifica. La Leonessa era tornata in vetta da sola dopo lo splendido blitz sul parquet della Sidigas Avellino, ma nell’ultimo turno di campionato il team di coach Diana ha inaspettatamente perso in casa contro l’Aquila Trento, permettendo a Milano, Avellino e Venezia di raggiungerlo in testa.

Ora ci sono ben 4 squadre in vetta, il che lascia presupporre un girone di ritorno altrettanto emozionante. Come detto, il team allenato da coach Buscaglia ha messo fine ad un periodo particolarmente negativo andando a vincere in casa della (ex) capolista in solitaria. Al tempo stesso, Milano ha schiantato la Betaland Capo d’Orlando, mentre Venezia ha avuto ragione dell’Happy Casa Brindisi, anche se la gara del PalaTaliercio si è rivelata più difficile del previsto per i campioni in carica.

Avellino, dopo il ko interno contro la Germani, ha ritrovato subito la compattezza necessaria per riprendere la marcia: gli irpini hanno battuto nettamente a domicilio la Fiat Torino. Un successo che ha causato un terremoto in casa Auxilium: coach Recalcati ha infatti rassegnato le dimissioni, sostenendo che la situazione è da ritenersi “insostenibile”. Un pò come già fatto da Luca Banchi nemmeno un mese fa. Un bottino davvero povero, quello dell’ex coach della Nazionale, che ha raccolto solo un successo su sei partite alla guida della Fiat.

Al quinto posto c’è la Virtus Bologna, che ha vinto contro la Vuelle Pesaro e ha superato in classifica proprio la Fiat Torino. Gli uomini di Ramagli hanno avuto ragione dei marchigiani, sempre più ultimi in classifica con soli 8 punti.

Vittorie casalinghe per Reggio Emilia e Pistoia, che superano rispettivamente la Dinamo Sassari e la Vanoli Cremona, mentre il derby lombardo è andato a sorpresa alla Openjobmetis: niente da fare per la Pallacanestro Cantù di coach Sodini, sconfitta in casa da un’ottima Varese.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*