Serie A, Pistoia e Capo d’Orlando ai playoff: resta fuori l’Enel Brindisi

Con la trentesima ed ultima giornata si è ufficialmente la chiusa la regular season nel campionato di Serie A di basket maschile.

Alcuni verdetti erano stati già emessi nelle settimane precedenti. L’Olimpia Milano, campione in carica, ha consolidato la sua leadership chiudendo al primo posto con 46 punti, frutto di 23 vittorie e 7 sconfitte. Il team allenato da coach Repesa si trova ora nelle condizioni migliori per affrontare i playoff e dare la caccia al ventottesimo scudetto. A seguire troviamo la Reyer Venezia, seconda a 4 lunghezze, e la Sidigas Avellino, già sicura del terzo posto.

In zona retrocessione, invece, era già stato tutto deciso nella penultima giornata, con la retrocessione della Vanoli Cremona (che lascia la Serie A dopo otto stagioni) e la salvezza della Consultinvest Pesaro. Restava da stabilire la griglia dei playoff: in ballo c’era ancora il quarto posto ma soprattutto il settimo e l’ottavo, con tre squadre a battagliare per non restare fuori dalla post-season.

Alla fine l’hanno spuntata Pistoia e Capo d’Orlando, mentre l’Enel Brindisi di coach Meo Sacchetti sarà costretta a guardarsi i playoff dal divano di casa. I toscani hanno sconfitto nettamente Brescia al PalaCarrara (86-62) e i siciliani hanno fatto altrettanto contro Pesaro (98-88); al contrario, Brindisi non è praticamente scesa in campo a Venezia, dove la Reyer ha stravinto il confronto (86-65) nonostante il team di De Raffaele non avesse necessità dei 2 punti.

Nella lotta al quarto posto ad avere la meglio è stata Trento. Gli uomini di Buscaglia hanno fatto il loro dovere regolando al fotofinish Avellino (77-75), mentre Sassari e Reggio Emilia sono incappate in due imprevedibili sconfitte: la Dinamo ha ceduto 77-70 in casa della Pasta Reggia Caserta, la Grissin Bon addirittura sul parquet della già retrocessa Cremona (101-91). Questi, quindi, gli accoppiamenti playoff: Milano – Capo d’Orlando, Trento – Sassari, Venezia – Pistoia, Avellino – Reggio Emilia. Si gioca al meglio di 5.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*