Serie A, Milano chiude la regular season al primo posto. Pistoia irrompe in zona playoff

Tutto quello che sembrava essersi riaperto, si è inesorabilmente chiuso di nuovo. La leadership resta saldamente e definitivamente nelle mani dell’Olimpia Milano. Il quintetto allenato da coach Repesa ha portato a termine la sua missione: concludere al primo posto la regular season per affrontare i playoff nel migliore dei modi (e dei piazzamenti).

Lo ha fatto dopo una doppia sconfitta – Pistoia e in casa contro Trento – che rischiava di compromettere la tranquillità di un ambiente che già borbottava per il brutto cammino in Eurolega. L’avversario era proprio quella Reyer Venezia che si era riportata a sei punti dalla capolista e sognava di far ‘tremare’ i biancorossi. Ma l’EA7 non ha perso concentrazione, ha sconfitto i veneziani 88-80 e ha chiuso ogni discorso: primo posto matematico, la Reyer deve abbandonare ogni velleità di ‘aggancio’ e guardarsi alle spalle.

Subito dietro, infatti, c’è Avellino, che si è rialzata dopo un periodo fortemente negativo e ha regolato al PalaDelMauro la Pallacanestro Cantù. Il 92-86 con cui gli uomini di Sacripanti hanno battuto gli avversari è frutto specialmente di una splendida prestazione di Ragland, autore di 33 punti. A due punti dagli irpini c’è un terzetto composto dalla Dinamo Sassari, dall’Aquila Trento e dalla Grissin Bon Reggio Emilia, che ha colto un successo importante in chiave playoff vincendo 73-68 contro Varese davanti al proprio pubblico.

E sempre in vista della post-season, Pistoia irrompe nel discorso piazzandosi all’ottavo posto dopo il netto successo contro la Betaland Capo d’Orlando (75-59). In coda, quasi fatta per Caserta, che al PalaMaggiò ottiene due punti pesantissimi contro Torino (83-76), mentre Pesaro fa l’impresa a Brindisi (93-94) e stacca nuovamente la Vanoli Cremona, che incassa l’ennesima sconfitta casalinga per mano della Germani Brescia (80-86). Ora il team di coach Lepore è nuovamente fanalino di coda in solitaria, con due punti di ritardo dalla Consultinvest: restano 4 gare per evitare la retrocessione in A2.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*