Serie A, mercato: Pesaro ingaggia Kuksiks, la Virtus Bologna tratta Kelly e La Torre

pesaro kuksiks bologna kelly la torreCon lo stop ai campionati a causa degli impegni delle Nazionali, i team di Serie A ne hanno approfittato per sondare il mercato alla ricerca di qualche tassello che potesse completare i rispettivi roster.

Il ‘colpo’ più rilevante lo ha messo a segno la Vuelle Pesaro, che ha raggiunto l’accordo con l’ala piccola Rihards Kuksiks. Un giocatore di grande qualità, che può vantare un importante curriculum con esperienze in molti tornei europei. Kuksiks conosce bene anche il campionato italiano, dato che ha vestito la casacca della Openjobmetis Varese nella stagione 2015-2016. Il contratto stipulato tra le parti è al momento su base mensile, ma è stato già tutto predisposto per un eventuale prolungamento.

Il lettone ha confessato di avere in mente di tornare in Italia già da parecchio tempo. “Sono felice della mia scelta – ha detto Kuksiks – sono pronto a mettermi alla prova e aiutare la Vuelle a ottenere vittorie”. Grande soddisfazione per l’acquisto è stata espressa dal direttore sportivo, Stefano Cioppi: “Kuksiks si è rivelata l’opportunità più interessante nel momento in cui abbiamo avuto il bisogno di rimpiazzare Little – ha detto Cioppi – Abbiamo fatto uno sforzo, ma siamo certi di aver fatto la cosa giusta”.

Lavora sul mercato anche la Virtus Bologna, che ha visto sfumare definitivamente l’opportunità di ingaggiare Austin Daye. A dare per chiusa la trattativa è stato il presidente delle “V nere”, Alberto Bucci: “E’ un buon giocatore ma non è quello che serve alla nostra squadra”. Per questo la società virtussina si è concentrata su nuovi obiettivi: si tratta sia per l’ala americana Ryan Kelly, attualmente in forze al Siviglia, che per l’italiano Andrea La Torre, oggi all’Olimpia Milano ma praticamente non considerato da coach Pianigiani.

Con l’arrivo di questi due rinforzi, la Virtus Bologna potrebbe liberare Guido Rosselli: per lui è sempre più forte l’interesse della Fortitudo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*