Serie A: la Fiorentina supera l’Inter nella sagra del gol al Franchi, Atalanta ok

Incredibile girandola di emozioni nel 5-4 con il quale la Fiorentina batte l’Inter e torna prepotentemente in corsa per un posto in Europa.

Clamoroso al Franchi, la Fiorentina supera per 5-4 l’Inter in casa con una rimonta incredibile maturata nella ripresa. Viola avanti nel punteggio grazie ad una conclusione sotto la traversa di Vecino, ma raggiunta dall’uno-due dell’Inter firmato da Perisic e Icardi che sembrano cambiare definitivamente l’inerzia della gara. Ma è solo fuoco di paglia. La Fiorentina che scende in campo nella ripresa è una squadra che diventa imprendibile per la pasticciata difesa nerazzurra che prima si salva grazie all’errore di Bernardeschi che sbaglia ingenuamente un rigore e poi viene travolta da quattro reti consecutive che i viola mettono a segno in 26 minuti.

Prima è Astori a centrare il pareggio, incornando su corner e un minuto dopo è Vecino a siglare il vantaggio viola facendosi beffe di un Medel imbarazzante. L’Inter esce dal campo e viene travolta dall’onda viola che trova la rete del 4-2 con un destro piazzato e poi porta la viola sul 5-2 con un tap in su cross di Salcedo. E’ Icardi a chiudere la sagra del gol del Franchi con una splendida doppietta che permette all’argentino di gonfiare per tre volte la rete di Tatarusanu. Nel finale convulso è Astori ad evitare il gol del 5-5 respingendo sulla linea una conclusione di Brozovic a botta sicura. Troppo poco per sperare di evitare una sconfitta che compromette l’Europa League alla squadra di Pioli, apparsa davvero troppo fragile in difesa e preda di amnesie incomprensibili. Si salva il solo Icardi, autore di una tripletta tanto bella quanto inutile per le sorti europee della sua squadra.

L’Atalanta fa il suo compito contro il Bologna, vincendo per 3-2 la sfida dello stadio Azzurri d’Italia. Vanno a segno Conti, Freuler e Caldara per i bergamaschi mentre per i felsinei vanno a segno Destro e Di Francesco. Adesso per la Dea l’Europa è sempre più vicina.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*