Serie A, Brescia torna al comando: la tripla di Vitali gela il PalaDelMauro

Quando poche settimane fa Brescia aveva perso quel primato che aveva entusiasmato un pò tutti gli appassionati di pallacanestro, tanti tra gli addetti ai lavori erano convinti che la Leonessa non sarebbe più riuscita ad assestarsi sul gradino più alto in questa regular season. Ma siccome nello sport, e soprattutto nel basket, non si può mai dare nulla per scontato, ieri sera si è verificato l’esatto contrario: la Germani ha espugnato il parquet della (ex) capolista, la Sidigas Avellino, ed è tornata impetuosamente in testa alla classifica. Da sola, in attesa del posticipo di questa sera tra la Openjobmetis Varese e l’Olimpia Milano.

La truppa di Diana ha avuto il grandissimo merito di non mollare neppure quando tutto sembrava ormai girare dalla parte di Avellino. I padroni di casa avevano toccato addirittura il +14 nel terzo periodo, con il pubblico del PalaDelMauro ormai convinto di poter fare un sol boccone dei biancoblu. Ma è da quel momento in poi che la Leonessa non ha sbagliato praticamente più nulla, mentre la Scandone si è sciolta come neve al sole, dilapidando un vantaggio che sembrava rassicurante. La Germani riesce ad agguantare il supplementare all’ultimo respiro: la gara si decide negli ultimi istanti dell’overtime, quando Rich mette dentro solo un tiro libero su due e nel ribaltamento di fronte Vitali infila la bomba che fa impazzire la panchina lombarda. E’ 95-96 per Brescia: c’è tempo per l’ultimo disperato tentativo, ma sempre Rich trova solo il ferro. Vince la Leonessa, che torna a guardare tutti dall’alto in basso.

Subito dietro ci sono i campioni in carica della Reyer Venezia, che espugnano il PalaTrento e agganciano la Sidigas al secondo posto. L’Umana si conferma bestia nera per Buscaglia e i suoi, giunti ormai alla settima sconfitta consecutiva tra campionato e coppe.

Nelle altre sfide, da segnalare la bella vittoria della Virtus Bologna in casa della Betaland Capo d’Orlando e il successo prezioso in chiave playoff della Vanoli Cremona, che ha superato la Red October Cantù di coach Sodini.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*