Serie A, Brescia davanti a tutti! Venezia cade contro la Fiat, riscatto Milano

brescia venezia milanoLa capolista che non ti aspetti. A guardare tutti dall’alto in basso non ci sono i campioni in carica della Reyer Venezia o la corazzata Milano, e nemmeno una delle possibili outsider come Avellino, Trento e Sassari. A comandare la classifica del campionato di Serie A di basket maschile c’è una meravigliosa Leonessa.

Sì, perchè lì in cima, a punteggio pieno dopo sei turni, c’è solo la Germani Brescia di coach Diana. Un autentico capolavoro, quello dei lombardi, capaci di battere anche la Grissin Bon Reggio Emilia (sempre più ultima a zero punti) e di issarsi in testa da sola, complice la sconfitta interna dell’Umana contro la Fiat Torino.

Il segreto, secondo Diana, è la fiducia che nella squadra sta aumentando partita dopo partita. “Anche quando le percentuali si abbassano, non perdiamo mai la testa”, ha spiegato il coach della Germani nel post gara. E sempre secondo Diana, ci sono ancora molti margini di miglioramento. “Dobbiamo continuare sulla strada intrapresa, il campionato è ancora molto lungo”.

All’inseguimento della sorprendente capolista c’è un terzetto formato da Venezia, Milano e Torino. I piemontesi hanno agganciato le due grandi favorite alla vittoria finale dopo una splendida prestazione al PalaTaliercio, dove gli uomini di coach Banchi sono riusciti ad infliggere ai tricolori il primo stop in questo campionato. Milano doveva riscattarsi dopo la brutta batosta di Sassari: ci è riuscita regolando al Forum di Assago una coriacea Virtus Bologna, che si è aggrappata al grande ex di giornata, Alessandro Gentile. Per l’ex capitano dell’Olimpia una gran bella prova, coronata da 20 punti, ma le “V nere” sono uscite comunque sconfitte.

Continua il momento no della Dolomiti Trento, che crolla 93-66 a Varese, mentre Cantù vince a Pistoia nonostante le gravi difficoltà societarie. Vittorie casalinghe per Brindisi, che supera Avellino, e per la Vanoli Cremona (96-81 alla Dinamo Sassari). Primo “sì” per Capo d’Orlando davanti al proprio pubblico: Pesaro ko (73-56).

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*