Serie A, Avellino campione d’inverno. Bologna, Cremona e Cantù alle Final Eight

Il campionato di Serie A di basket maschile è arrivato al giro di boa. Al primo posto c’è una sola squadra, ed è la Sidigas Avellino di coach Sacripanti. Un primato metitatissimo per la Scandone, che da diverse settimane ha intrapreso una marcia eccezionale. Un cammino impressionante, che ha portato gli irpini a scalzare dalla vetta della classifica la sorprendente Germani Brescia.

Avellino ha chiuso il girone d’andata con una bella vittoria sul parquet della Dolomiti Trento. Una trasferta tutt’altro che agevole per gli uomini di Sacripanti, che andavano a far visita ad un’Aquila in ripresa dopo il brutto avvio di stagione. Trento doveva vincere per sperare nella qualificazione alle Final Eight di Coppa Italia che si terranno a Firenze dal 15 al 18 febbraio. Ma ai padroni di casa non è riuscita l’impresa: Avellino espugna il PalaTrento e si laurea campione d’Inverno.

All’inseguimento della Sidigas c’è un terzetto composto da Milano, Brescia e Venezia. Dicevamo della Leonessa: il team allenato da coach Diana è tornato alla vittoria davanti al proprio pubblico (76-72 contro Pistoia). Il girone d’andata di Brescia è stato super, e il secondo posto è senza dubbio un risultato straordinario per una squadra che fino ad un anno e mezzo fa si trovava in A2. Conferme anche per Venezia, nonostante qualche passaggio a vuoto: i campioni d’Italia in carica concludono la prima parte della “regular season” con un’importantissima vittoria al Forum di Assago (80-84). Un successo che aumenta le critiche nei confronti dell’Olimpia Milano: i biancorossi di Pianigiani, già alle prese con risultati tutt’altro che soddisfacenti in Europa, si ritrova in difficoltà anche in Serie A. E i tifosi cominciano a spazientirsi…

Gli ultimi tre posti utili per le Final Eight (la Fiat Torino era già al sicuro, ndr) se li aggiudicano la Virtus Bologna, la Red October Cantù (tripla di Thomas sulla sirena che fa impazzire i brianzoli) e la Vanoli Cremona. Resta fuori la Dinamo Sassari, finalista in tre delle ultime 4 edizioni: il team sardo scivola in casa della Vuelle Pesaro e dice già addio alla Coppa Italia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*