Serie A, quali squadre per la volata salvezza?

In questa due giorni infrasettimanali, ci siamo divertiti a carpire alcune indicazioni da queste prime tre giornate di Serie A, cercando di farci un’idea circa papabili vincitrici del campionato e tentando di individuare, al contrario, le formazioni più fragili, che faranno del mantenimento della competizione il loro più grande obiettivo. Effettivamente, dando anche un’occhiata al mercato estivo, in questa stagione la forbice tra migliori e peggiori pare essersi ulteriormente allargata, e diverse squadre, finora, sono partite molto male. Ma chi è maggiormente a rischio retrocessione?

Serie ALa favola Benevento, in effetti, non dà l’impressione di poter concludersi con un lieto fine. I campani, in questa Serie A, sono gli unici a non essere riusciti a conquistare neanche un punto: la classifica, infatti, è ancora ferma allo zero, benché perlomeno il fatto di aver subito “solo” 4 gol lascia tirare un sospiro di sollievo. La salvezza, ad ogni modo, pare molto lontana: bisognerà lavorare tanto, magari acquisendo anche dei rinforzi in inverno, per cercare di raggiungere l’obiettivo.

Passando da una neopromossa all’altro, anche l’Hellas Verona, finora, ha deluso fortemente. Il club veneto, per il suo ritorno in Serie A, pareva essersi affidato all’usato sicuro, ma la dicitura pare poi essersi trasformata in “usurato”. In effetti, questo progetto pare essersi ritorto contro la squadra stessa: dal caso Cassano alle prestazioni deludenti dei vari Cerci e Caceres, oltre ad un Pazzini ormai in rotta con la società. E la classifica, intanto, dice che è stato fatto 1 solo gol (peraltro su rigore) a fronte di ben 8 subiti: un disastro, al momento la peggior differenza reti della Serie A.

Il Crotone, che nella scorsa stagione diede vita ad una clamorosa rimonta, che portò poi ad una insperata salvezza, ha nuovamente cominciato con il piede sbagliato. Considerando anche che è l’unico club a non aver ancora segnato nessun gol, la retrocessione pare essere uno scenario molto probabile. Bisognerà lavorare parecchio per raggiungere un obiettivo importante, ma l’impressione è che le difficoltà saranno tante, soprattutto se in inverno non arriveranno degli innesti importanti.

La Spal, diversamente dalle altre neopromosse, fin qui non ha sicuramente sfigurato. Merito anche di un mercato importante in estate, che dovrebbe garantire gol a sufficienza per la permanenza in Serie A. D’altronde, 4 punti in 3 giornate sono un bottino sicuramente interessante, ma qui bisognerà evitare di adagiarsi sugli allori. A rischio anche il Sassuolo, che in estate ha detto addio ad allenatore e a tante pedine importanti, da Pellegrini a Defrel: Berardi è chiamato finalmente ad una consacrazione, per raggiungere una sicura salvezza.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*