Rincorsa Juventus, niente fuga per il Napoli

Il posticipo del lunedì ha posto fine alla ventunesima giornata del campionato di Serie A, e, pertanto, anche la situazione ai vertici della classifica è stata delineata con chiarezza maggiore. Ormai vi sono davvero pochi dubbi sul fatto che la corsa per il titolo, dopo la scrematura eseguita fino a questo momento, preveda soltanto due concorrenti: il Napoli, attuale capolista, e la Juventus, campione uscente delle ultime sei edizioni consecutive.

Allegri JuventusEffettivamente, contro il Genoa, la banda di Massimiliano Allegri era chiamata a vincere, per non perdere la scia del Napoli: i partenopei avevano vinto nel lunch match di domenica contro l’Atalanta, e, dunque, si erano portati a +4 proprio sui bianconeri. Un vantaggio che, in caso di mancato successo della Juventus, avrebbe cominciato a farsi piuttosto serio, considerando che ci avviciniamo alle fasi più calde del campionato.

Ed effettivamente, contro il Genoa, la Juventus non ha brillato particolarmente, dando vita ad una prestazione piuttosto scarna e affaticata: in tal senso, sicuramente, per la Vecchia Signora hanno influito le tante assenze forzate, con i vari Buffon, Cuadrado, Marchisio, Dybala e Howedes fermi ai box per diversi guai fisici. E allora, ecco che la provvidenza si incarna, una volta di più, nel nome di uno dei più chiacchierati acquisti estivi di Madama: quello di Douglas Costa, esterno brasiliano divenuto sempre più imprescindibile per i meccanismi dei bianconeri.

Proprio l’ex giocatore del Bayern Monaco sigla il gol partita al 16° minuto, sfruttando un assist illuminante del recuperato Mandzukic. Ad ogni modo, la Juventus si riporta a -1 dal Napoli, e rilancia così la sfida Scudetto: 54 punti per i partenopei, 53 per i piemontesi. La prima delle inseguitrici, la Lazio, che pure ha una gara ancora da recuperare, è staccatissima a 43 punti insieme all’ Inter, mentre la Roma è ferma a quota 40. Un affare a due insomma, che potrebbe essere meglio delineato nelle prossime settimane.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*