Il Real Madrid fa 13: è ancora una volta campione d’Europa

Non c’è proprio verso di fermarlo: il Real Madrid ha vinto ancora una volta la Champions League. Per le merengues si tratta della terza affermazione consecutiva, oltre che la quarta nelle ultime cinque edizioni. Un passo a dir poco inarrestabile, per una squadra incapace di concedersi un qualsivoglia limite. E con la prospettiva, difficile ma certamente non impossibile, di migliorare ulteriormente questo già invidiabile score già a partire dal prossimo anno.

Real Madrid Cristiano RonaldoCon la coppa dalle grandi orecchie conquistata a Kiev, il Real Madrid ha vinto il più ambito trofeo del Vecchio Continente per ben 13 volte. Tutti i rivali, a cominciare dal Milan, che segue in questa graduatoria alla seconda posizione (con 7 affermazioni) sono staccatissimi. E presumibilmente, a giudicare da un simile andazzo, lo saranno ancora per lungo tempo nel prossimo futuro.

Una serata, quella di Kiev, che però racconta numerose storie personali, e in questo senso, con ogni probabilità, i singoli episodi non sono mai stati così pesanti come in questa finale. A cominciare dagli infortuni: quello di Carvajal, ma soprattutto quello di Salah, indubbiamente il momento più drammatico della gara, e forse della partita in generale. L’estromissione dell’asso egiziano dopo appena una mezz’ora di gioco, a forte rischio anche per il mondiale di Russia 2018, inevitabilmente pesa come un macigno sulle speranze di un Liverpool comunque coraggioso.

Nel secondo tempo, a salire in cattedra dal lato sbagliato è Karius: l’estremo difensore dei Reds vanifica gli sforzi dei compagni, regalando sciaguratamente la prima e la terza marcatura al Real Madrid, e, con esse, la stessa Champions League. Con un ultimo, grande protagonista che brilla, ma stavolta di luce propria: Gareth Bale, che spacca in due la serata con una rovesciata fulminante, molto simile a quella con la quale Cristano Ronaldo stese la Juventus nel match di andata dei quarti, prima di porre una pietra tombale sulle ambizioni inglesi, complice l’incertezza del portiere avversario.

2 Trackbacks / Pingbacks

  1. Russia 2018, ecco la top 11 dei grandi assenti - Tutto Sport
  2. Clamoroso, Cristiano Ronaldo a un passo dalla Juventus? - Tutto Sport

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*