I primi settantanni della Ferrari

Sono passati 70 anni da quando, il 12 marzo 1947, il compianto Enzo Ferrari accese il moto della 125 S, la prima auto a portare il suo nome. Quel giro di prova sulle strade nei dintorni del comune di Maranello iniziò la fantastica storia della Ferrari fino ai giorni nostri.

settant'anni della ferrariQuella che era una piccola fabbrica nata da un sogno – costruire auto da corsa sportive ed esclusive in un Italia che stava risorgendo dalle ceneri della prima guerra mondiale – è diventata una realtà, che negli anni è riconosciuto come l’emblema del Made in Italy in tutto il mondo.

Lo ricorda anche il sito internet della scuderia di Maranello, che settant’anni dopo, in una giornata simbolica come questa, dà il via alle celebrazioni ufficiali per il suo anniversario. Il 12 marzo 1947 iniziò la storia della scuderia più vincente nella Formula Uno (ben 15 mondiali piloti e 16 costruttori) e di una marchio che è diventato un simbolo.

Ad onor del vero la Scuderia Ferrari venne fondata ufficialmente solo nel 1929, dato che per diversi anni Enzo Ferrari si occupò di curare il ramo-corse dell’Alfa Romeo: soltanto dopo la Seconda Guerra Mondiale, quando la fabbrica venne risistemata dopo i bombardamenti che l’hanno colpita durante la guerra, che la Scuderia Ferrari, divenuta indipendente, riuscì a costruire il suo primo prototipo da zero.

Estratto dal sito ufficiale:

Dal 12 marzo inizieranno gli eventi celebrativi che vivranno il loro momento culmine nel weekend del 9 e 10 settembre, a Maranello, e saranno accompagnate da altre iniziative che omaggiano la storia del Cavallino Rampante. Tra queste, una mostra realizzata assieme al Design Museum of London presso il Museo Ferrari che verrà inaugurata a maggio e la prima “Cavalcade Classiche”.

Per accompagnare  i festeggiamenti che si svolgeranno nel corso dell’anno e per raccontare i momenti e i personaggi che hanno segnato la storia dell’azienda, è stato creato un sito dedicato, raggiungibile all’indirizzo www.ferrari70.com. I canali social ufficiali Facebook, Twitter e Instagram di Ferrari saranno naturalmente attivi e coinvolti per aggiornare milioni di follower su ogni momento dei festeggiamenti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*