Playoff, la situazione: Milano arranca, Trento vola. Ok Venezia e Avellino

Archiviata la regular season, tutta l’attenzione si è spostata sulle prime gare dei playoff che decideranno la formazione campione d’Italia di basket maschile per la stagione 2016/2017.

Nel corso del campionato era apparso netto il dominio dell’Olimpia Milano, campione in carica e decisa a confermarsi al vertice almeno sul piano nazionale. Ma l’esordio degli uomini di Repesa in questa post season è stato a dir poco da incubo: contro Capo d’Orlando i biancorossi sono incappati in una brutta sconfitta in gara 1 davanti al pubblico del Forum di Assago. Un rovescio che ha scatenato la rabbia dei tifosi e di tutto l’ambiente, che ha chiesto un immediato cambio di rotta.

In gara 2, disputata ieri sera sempre al Forum, Milano è riuscita a vincere (95-83) ma senza dubbio non è riuscita ancora a convincere: l’Orlandina di coach Di Carlo ha tenuto ancora una volta testa ai campioni in carica, cedendo solo nell’ultimo quarto. A dimostrazione di come le due gare in Sicilia potrebbero rivelarsi delle grosse insidie per Cinciarini e compagni. Dal canto suo, Capo d’Orlando prosegue nell’ottima stagione fin qui disputata e coltiva legittimamente il sogno di buttare fuori addirittura la squadra più forte del torneo.

Fa due su due invece l’Aquila Trento, che ieri sera ha sconfitto nuovamente la Dinamo Sassari tra le mura amiche. Partita equilibrata, con i sardi che hanno sprecato il +9 del terzo quarto e hanno subito nell’ultimo periodo il ritorno veemente dei padroni di casa, trascinati da Sutton e da capitan Forray.

Vittorie anche per la Reyer Venezia e la Sidigas Avellino, che si sono aggiudicate gara 1 di questi quarti di finale regolando rispettivamente la The Flexx Pistoia e la Grissin Bon Reggio Emilia. Se l’affermazione della formazione irpina è stata netta – Reggio Emilia non pervenuta, gara 2 questa sera alle ore 20:45 – il team allenato da coach De Raffaele ha dovuto faticare parecchio contro un’ottima Pistoia. Gara 2 stasera alle 20:30.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*