Pioli difende le proprie scelte: ‘Non abbiamo giocatori per il 4-3-3, vedo cose positive’

Stefano Pioli ha difeso a spada tratta le proprie scelte dopo il ko a Marassi contro il Genoa che rischia di compromettere l’Europa.

Un boccone davvero amaro quello che Stefano Pioli è costretto a dover mandare giù dopo la sconfitta di Marassi e la contestazione veemente dei tifosi nerazzurri. Troppi errori sotto porta e qualche episodio negativo hanno condannato, ancora una volta, la Beneamata: ‘Possiamo fare di più – ha commentato Pioli ai cronisti – oggi abbiamo giocato per fare la partita rischiando poco. Ma se hai le occasioni e non segni diventa difficile, gli episodi ci hanno condannato. Potevamo andare in vantaggio, lì la gara sarebbe cambiata. Siamo ancora costretti a tornare a casa a mani vuote’.

Ha destato perplessità il cambio di Icardi nel finale, una mossa che ha spiazzato tifosi e giocatori:
‘Volevo cambiare la fase offensiva – ha spiegato il tecnico emiliano – con attaccanti freschi negli ultimi minuti. Scelgo per quello che vedo, non ero contento dei movimenti degli attaccanti e ne ho inseriti altri in grado di mettere in difficoltà gli avversari’.

Pioli è ancora convinto del modulo che sta adottando, nonostante i risultati non gli stiano dando ragione: ‘Non abbiamo giocatori indicati per il 4-3-3, oggi abbiamo giocato con due punte più vicine per avere profondità e presenza in area. La manovra doveva essere migliore e le occasioni andavano sfruttate, la partita sarebbe cambiata. Anche sulle palle inattive dovevamo essere più precisi’.

Ausilio ha espresso, in settimana, parole di fiducia verso l’attuale allenatore, anche se gli ultimi risultati sono stati davvero deludenti:
‘Dire di essere positivi potrebbe dire ora che si vedono cose reali, ma io vedo cose importanti per il futuro. Ma dobbiamo concentrarci sul presente, siamo delusi dagli ultimi risultati e dobbiamo metterci qualcosa in più’.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*