NBA, la situazione: Boston domina a Est, nella Western è lotta Houston-Golden State

boston golden state Con i principali campionati europei fermi per gli impegni delle Nazionali, diamo uno sguardo a quello che sta accadendo in NBA in questa prima parte di stagione.

Anzitutto, un fatto: in testa alle rispettive Conference non ci sono Cleveland e Golden State, come da pronostico, ma bensì Boston e Houston, che tuttavia non sono di certo una sorpresa. I Celtics, dopo il doloroso addio estivo a Isaiah Thomas e l’arrivo di Kyrie Irving (oltre a Horford e Hayward, quest’ultimo bloccato da un brutto infortunio), hanno infilato qualcosa come sedici vittorie consecutive, prima di cadere sul parquet dei Miami Heat. Ma la truppa di Stevens ha già ripreso la corsa, e comanda saldamente la Eastern Conference con 18 vittorie e tre sconfitte.

Distantissimi i pur sorprendenti Detroit Pistons, ormai tallonati dai Cavaliers, che dopo un avvio con parecchie difficoltà hanno ripreso a marciare come loro consuetudine. Insieme ai Cavs, con 12 vinte e 7 perse, ci sono i Toronto Raptors, che si confermano team da prime posizioni.

Subito dietro ecco i Philadelphia 76ers, ritenuti alla vigilia possibile outsider: finora le aspettative sono state confermate, grazie soprattutto alla ritrovata forma fisica di Embiid e Simmons, in attesa di poter ammirare Markelle Fultz. Nei bassifondi gravitano gli Atlanta Hawks di Belinelli e i Chicago Bulls.

Nella Western Conference i più bravi finora sono gli Houston Rockets di James Harden, che stanotte contro Brooklyn possono conquistare la sedicesima vittoria stagionale, restando così davanti ai Golden State Warriors. Cammino comunque molto buono quello dei campioni in carica, che non stanno ancora mostrando tutto il loro potenziale. Dietro il duo di testa ecco i San Antonio Spurs, che si assestano in terza posizione con 12 vinte e 7 perse nonostante la prolungata assenza di Kawhi Leonard. A seguire troviamo i Timberwolves, che hanno appena battuto i Phoenix Suns 119-108, e Portland, entrambe con 12 gare vinte e 8 perse. In fondo ci sono i Dallas Mavericks, ma i ragazzi di coach Carlisle sono in ripresa: tre vittorie nelle ultime 4 gare.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*