Moviola 28.ma giornata: errori a go go a favore delle big, ecco l’analisi di Tutto-Sport

Ecco gli episodi saliente della moviola della 28.ma giornata che evidenzia i tantissimi errori arbitrali nell’interpretazione di episodi chiave.

Tanti, troppi gli errori arbitrali smascherati dalla moviola della 28.ma giornata in un turno avvelenato dalle polemiche già nell’anticipo di venerdi tra Juventus e Milan per il calcio di rigore assegnato in extremis alla Vecchia Signora.

Anche le altre big hanno usufruito di alcune clamorose sviste arbitrali che hanno reso in discesa i loro rispettivi impegni.

Sull’episodio del rigore a favore della Juventus si è molto discusso e molto si discuterà ancora. L’arbitro Massa interpreta il tocco di mano di De Sciglio come volontario, ma la distanza esigua tra il giocatore che calcia il pallone e il difensore rossonero, a termini di regolamento, consiglia una decisione diversa. Sarebbe stato corretto lasciar proseguire optando per l’involontarietà.

In Palermo-Roma, Rocchi annulla ingiustamente una rete segnata in apertura di gara dall’attaccante rosanero Nestorovskj. Il bomber macedone è chiaramente in posizione regolare quando riceve il pallone prima di scaraventarlo in rete.

Sullo 0-0 in Inter-Atalanta non viene concesso un chiaro penalty all’Atalanta per un fallo di mani di D’Ambrosio in area di rigore. Il braccio è alto e lontano dal corpo e quindi, a termini di regolamento, copre indebitamente lo spazio intercettando la sfera. Corretta la decisione di assegnare il rigore all’Inter per il fallo di Berisha su Icardi.

In Napoli-Crotone le immagini svelano il contatto in area del primo rigore assegnato al Napoli per fallo di Sampirisi su Insigne. Il penalty ci può stare. Mariani non espelle Rog per un fallo plateale su Crisetig. Sarebbe stato il secondo giallo e quindi il rosso. Sul secondo rigore del Napoli, Hamsik riceve palla in evidente offside, poi l’episodio del rigore per il contatto di Dussene che sembra non avvenire.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*