Motomondiale, trionfo casalingo per Marc Marquez

Si è da poco concluso anche il motomondiale, giunto quest’anno alla sessantanovesima edizione. In quel di Valencia, con il terzo posto conquistato al termine di una corsa che è parsa più una specie di passerella, il pilota di casa Marc Marquez si è laureato campione del mondo per la quarta volta, pur non senza patemi.

Marc MarquezFavorito numero uno per il titolo, infatti, nel computo dell’intero torneo Marquez è stato più volte messo in difficoltà dal “nostro” Andrea Dovizioso, che è riuscito a spingere la situazione fino all’ultimo gran premio. Nella scorsa gara a Sepang, in quel di Malesia, infatti, il corridore azzurro era riuscito a pervenire ad una grande vittoria rinviando, pertanto, ogni discorso all’ultima pista.

Da qui a vincere, purtroppo, ce ne passava: per abbrancare la corona mondiale Dovizioso avrebbe dovuto giungere primo a Valencia, mentre Marquez, di contro, non avrebbe dovuto superare la dodicesima posizione. Perché accadesse una cosa così improbabile sarebbe servito più di un miracolo, avvenuto poi al contrario: finito a terra, il pilota romagnolo è stato costretto al ritiro, consegnando, di fatto, il titolo iridato a Marquez.

Ma è una giornata di festa per tutti, tanto che il pubblico, pur applaudendo il campione di casa, non manca di tributare anche tutti gli altri corridori, tra i quali lo stesso Dovizioso. E così, alla fine, nella classifica finale, è proprio lo spagnolo Marquez ad occupare il primo posto, con un bottino di ben 298 punti. Il pilota italiano conquista la piazza d’onore, con 261 punti, mentre il podio è completato da un altro spagnolo, Vinales, con 230 punti.

Con la vittoria del gran premio di Valencia, Pedrosa strappa infine il quarto posto, per un soffio, alla leggenda italiana Valentino Rossi: 210 punti per l’iberico, 208 per l’azzurro. Tra gli altri corridori di casa nostra in classifica, troviamo Petrucci ottavo, Iannone tredicesimo, Pirro ventitreesimo. Honda vince la classifica costruttori, con Yamaha seconda e Ducati terza.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*