MotoGP, strepitoso Vinales! In Moto2 prima gioia per Morbidelli

Maverick Vinales! E’ lui il trionfatore della prima prova della MotoGP 2017. Il giovane pilota spagnolo, alla prima gara in sella alla Yamaha, ha sbaragliato la nutrita e sfarzosa concorrenza andando a vincere il Gran Premio del Qatar. Nemmeno il ritardo di 45 minuti causato dalla pioggia è riuscito a distrarre Vinales, che ha messo in riga piloti del calibro di Dovizioso, Rossi e Marquez.

E dire che la partenza non aveva sorriso all’iberico. In avvio di gara, infatti, è stato Zarco a prendere il comando delle operazioni, seguito a ruota da un gruppetto formato da Marquez, Dovizioso e Andrea Iannone. Più staccati Valentino Rossi e proprio Vinales, mentre Lorenzo si è ritrovato undicesimo per via di un piccolo errore che lo ha costretto ad una gara all’inseguimento.

La leadership di Zarco è durata poco, dato che il francese è caduto dopo pochi giri. Stessa sorte è toccata a Iannone, scivolato a 10 giri dalla fine: il suo forfait ha permesso a Rossi e Vinales di avvicinarsi a Dovizioso e Marquez. Qui Vinales ha mostrato tutta la sua classe, unitamente alla giusta dose di pazienza. Si è avvicinato progressivamente a Dovizioso, e al momento giusto ha sferrato l’attacco decisivo. Sorpasso e via verso la vittoria: niente male come esordio!

In Moto2 grande gioia per Franco Morbidelli, che è riuscito a vincere il primo GP della sua carriera. Il pilota romano ha dominato il GP del Qatar, riuscendo a respingere i numerosi attacchi dello svizzero Luthi, che alla lunga ha dovuto desistere. Sul podio è finito anche il giapponese Nakagami. Quarto posto per Oliveira, solo quinto Alex Marquez. Sesto posto per Luca Marini (Forward), ottavo per il compagno di squadra Luca Baldassarri.

In Moto 3 a trionfare è Joan Mir: lo spagnolo della Honda si piazza sul gradino più alto del podio, davanti a McPhee e Martin. Il primo degli italiani è il marchigiano Fenati, che chiude quinto davanti ai connazionali Migno, Antonelli e Di Giannantonio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*