MotoGP, Marquez mago della pioggia: vince e aggancia Dovizioso (3°)

marquez misano motogpIl mago della pioggia è Marquez. Lo spagnolo vince il GP di Misano e aggancia Dovizioso in testa alla classifica del motomondiale. Gara davvero di grandissimo livello del pilota iberico, considerate anche le condizioni atmosferiche tutt’altro che agevoli. Ha infatti preferito la prudenza il Dovi, che è riuscito a salire sul podio portandosi a casa un terzo posto che gli permette di rimanere in cima alla classifica, seppure ora in coabitazione con Marquez.

Bellissima anche la gara di Petrucci, splendido secondo, che ha conteso fino all’ultimo a Marquez la vittoria finale. E’ proprio all’ultimo giro che il pilota spagnolo riesce a sorpassare l’italiano: una beffa per Petrucci, che deve quindi rimandare l’appuntamento con il successo. Conclude quarto l’altro iberico, Maverick Vinales, che vede ormai allontanarsi la vetta: il suo ritardo diventa di 16 lunghezze. Scivola a -42 Valentino Rossi, costretto ai box per via dell’infortunio a tibia e perone.

La gara era partita con Jorge Lorenzo grande mattatore: il pilota della Ducati andava in testa già nei primissimi giri, salvo poi cadere alla curva 6. Via libera per Petrucci, che si trova a battagliare con Marquez e Dovizioso. Negli ultimi giri Dovi si accontenta della terza piazza, mentre Marquez decide di voler far sua la contesa: schiaccia il piede sull’acceleratore e va a prendere Petrucci, infilandolo al rettilineo dell’ultimo giro.

In Moto2 si riapre la corsa al titolo. Morbidelli, infatti, cade malamente mentre è al comando e si ritrova Luthi a soli 9 punti. Lo svizzero ha chiuso la gara alle spalle dell’ottimo Aegerter (su Suter) e ora torna a credere concretamente nella vittoria finale. Chiude il podio il malese Hafizh Syahrin, ottimo quarto posto di Pecco Bagnaia. Oltre a Morbidelli, sono caduti anche Pasini, Baldassarri e Marini.

In Moto3 bel successo di Fenati, che conquista così il suo secondo trionfo in questa stagione. Secondo Mir, leader del mondiale, terzo l’altro italiano Di Giannantonio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*