Montella, voglia d’Europa: ‘Meglio i preliminari che restare a casa, il marketing capirà…’

Ecco le parole espresse da Vincenzo Montella nella conferenza stampa di presentazione della sfida di domani contro il Palermo.

Vincenzo Montella non vuole rinunciare all’Europa anche se per centrare l’obiettivo sarà necessario affrontare i preliminari che potrebbero condizionare la preparazione estiva. La sfida col Palermo è ampiamente alla portata dei rossoneri anche se alle porte c’è il derby contro l‘Inter: ‘Al derby ci penseremo dopo – ha dichiarato il tecnico rossonero in conferenza stampa – adesso dovremo affrontare Inter e Atalanta poi ci giocheremo il tutto per tutto negli scontri diretti. Per vincere servirà grande pazienza, non sarà facile trovare spazio centralmente. Sarà una gara difficile, la vedo come la partita contro il Genoa, servirà pazienza e poca frenesia’.

Il rendimento non lo ha deluso, anzi: ‘Abbiamo avuto un rendimento simile tra grandi e piccole. Nelle ultime otto partite abbiamo fatto 17 punti, quindi un rendimento da Europa. Voglio vedere solo le cose positive. A Pescara abbiamo fatto un solo punto, ma chissà che non sia quello che ci serve per andare in Europa. Le assenze ci hanno condizionato, non solo quella di Jack (Bonaventura ndr) e Abate, ma anche quella di Montolivo e Bertolacci. Suso ora sta bene quindi se non gli viene la febbre domani giocherà’.

Il futuro di Montella è ancora in bilico e l’arrivo della nuova proprietà lo rende sempre più un’incognita: ‘Faccio l’allenatore da qualche anno e so che in questo momento ci sono i rumors. Essendoci un cambio di proprietà, dovremo prima conoscersi e capire cosa vogliamo l’uno dall’altro. Oggi sono felicissimo di allenare il Milan e spero di poterlo fare anche in futuro. Al Milan sto benissimo. Se ci saranno le condizioni, sarei felicissimo di proseguire qui. Io non so cosa pensano i nuovi proprietari di me, quindi al momento non posso dire altro’.

La voglia d’Europa è sempre forte per l’Aeroplanino che non lascerà nulla di intentato pur di raggiungere l’Europa League, l’obiettivo minimo della stagione: ‘E’ meglio giocarla che restare a casa a guardarla. Le partite internazionali ti portano esperienza. Se devo scegliere tra una tournée estiva e un preliminare di Europa League preferisco il secondo. Il nostro marketing capirà’.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*