Montella-Roma, Mancini-Milan e Spalletti-Inter, ecco cosa sta per accadere

Sta per maturare un incredibile valzer di panchine che coinvolgerà tre prestigiosi allenatori italiani verso nuove esperienze.

Si profila una vorticosa girandola di panchine in Serie A. Avvicendamenti che interessano alcuni top club italiani come Inter, Roma e Milan. Un effetto domino destinato a stravolgere le guide tecniche di alcuni tra i club più prestigiosi del calcio italiano. Vincenzo Montella non convince più i vertici del Milan che adesso starebbero meditando una clamorosa mossa che potrebbe spiazzare anche i tifosi rossoneri: Roberto Mancini.

Fassone ha conservato un buon ricordo del tecnico di Jesi ai tempi in cui sedeva sulla scrivania dell’Inter e lo avrebbe identificato come il giusto profilo per rilanciare le ambizioni internazionali del nuovo corso cinese del Milan. Vincenzo Montella, a sua volta, potrebbe rilevare il partente Luciano Spalletti sulla panchina della Roma, mentre il tecnico di Certaldo potrebbe essere lui il nuovo allenatore nerazzurro.

Un valzer di panchine clamoroso che sta prendendo sempre più consistenza nelle ultime ore. E’ ormai chiaro che Spalletti, soprattutto dopo le recenti dichiarazioni post Milan-Roma, è sempre più in rotta con il club di Pallotta. Da tempo non ha nascosto di soffrire le pressioni dell’ambiente giallorosso e della stampa locale. L’Inter, che a fine stagione darà il benservito a Stefano Pioli, è alla ricerca di una figura di spessore per la guida della squadra. Saranno fatti gli ultimi estremi tentativi per convincere Antonio Conte e Pablo Simeone, ma se dovessero rivelarsi ancora un buco nell’acqua, ecco che Spalletti rappresenterebbe la soluzione ideale.

Per quanto riguarda Mancini, non c’è dubbio che il legame con Fassone potrà giocare un ruolo fondamentale. Fu lo stesso allenatore marchigiano a dichiarare, in una recente intervista, che l’errore più grave commesso dall’Inter è stato quello di mandare via Fassone. Nelle prossime ore si attendono nuovi sviluppi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*