Milano scatenata: con sette colpi è la regina del mercato

milano mercato Il mercato ha una regina incontrastata: l’Olimpia Milano. La società del patron Armani ha praticamente catalizzato tutti i riflettori dell’estate su di sè con sette acquisti di grande livello che confermano la voglia di tutto l’ambiente di tornare al più presto competitivi su ogni fronte.

Un mercato roboante, quello dell’EA7, probabilmente scatenato dai risultati della scorsa stagione, tutt’altro che esaltanti. Se va riconosciuto alla truppa allenata da Jasmin Repesa di aver portato a casa due trofei – la Supercoppa e la Coppa Italia – va anche detto che è stato fallito l’obiettivo principale, ovvero lo scudetto (1-4 in semifinale contro l’Aquila Trento, ndr), nonostante una regular season chiusa al primo posto senza particolari intoppi.

Per non parlare poi dell’Eurolega, dove Milano ha collezionato sconfitte su sconfitte, chiudendo il girone con un inglorioso penultimo posto.

Era ora di cambiare, e l’Olimpia ha voluto farlo radicalmente. Prima la sostituzione al timone della squadra, con Simone Pianigiani che ha preso il posto di Repesa, poi una serie di “botti” che stanno già facendo sognare il pubblico del Forum di Assago.

Milano si è assicurata in un solo giorno Dairis Bertans, Andrew Goudelock, Amath M’Baye, Vladimir Micov e Patrick Young. Un pokerissimo che ha fatto certamente felice Pianigiani e i tifosi, ma il mercato dell’Olimpia non si è di certo concluso qui. Nelle giornate successive, infatti, l’EA7 si è assicurata anche altri due giocatori: si tratta di Jordan Theodore e dell’ala Cory Jefferson. Insomma, un quintetto completamente rinnovato ed un roster rinforzato in ogni reparto per consentire a coach Pianigiani di avere tra le mani il miglior materiale possibile, almeno in Italia. Starà al mister trovare la giusta amalgama per riportare lo scudetto dalle parti del Forum, e magari per regalare qualche soddisfazione in più ai tifosi dell’Olimpia anche in Europa, dove da tempo i colori biancorossi risultano assenti ingiustificati.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*