Milano da buttare, Inter e Milan crollano in campionato

Una volta era Milano da bere, nei celebri spot televisivi degli anni ’80. Adesso, è Milano da buttare. Parliamo della Milano calcistica, che da oramai diversi anni sta vivendo alcune annate tutt’altro che indimenticabili, con Inter e Milan protagoniste di una involuzione preoccupante rispetto alla storia e alla tradizione dei due club lombardi.

Milan GattusoLa stagione 2017-2018, in questo senso, pareva poter essere quella buona per la riscossa. Con la campagna acquisti faraonica messa in atto dal Milan, e con l’innesto nella panchina nerazzurra di Luciano Spalletti, tanto i rossoneri quanto l’ Inter erano state indicate, nella scorsa estate, come due possibili mine vaganti di questo campionato. Meglio ancora, come due delle potenziali vincitrici, nel caso in cui diversi fattori fossero combaciati in una serie di eventi favorevoli.

Effettivamente non si può certo dire che l’ Inter abbia deluso fin qui, dal momento che i nerazzurri sono stati protagonisti di un girone di andata importante. Ma il tracollo casalingo contro l’Udinese, peraltro la prima sconfitta della banda di Spalletti in questa Serie A, è solo il culmine di una flessione che, da qualche settimana, era parsa evidente ad alcuni addetti ai lavori, tanto più dopo la risicata vittoria di Coppa Italia contro il Pordenone soltanto ai calci di rigore.

Un 1 – 3 che lancia un piccolo allarme, e che pare ridimensionare parzialmente le ambizioni dei nerazzurri per il modo rocambolesco in cui è maturato. Ambizioni che, in casa Milan, sono state mandate da tempo in soffitta, tanto che la clamorosa sconfitta patita da un modestissimo Verona, penultimo in classifica prima di affrontare i rossoneri, sembra una tappa imbevuta di quel senso di ineluttabilità ben descritto dalle leggi di Murphy: se qualcosa può andar male lo farà, e in effetti le cose che in questo momento vanno bene, in casa Milan, si potrebbero contare sulle dita di una mano monca.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*