Milan, quanta sfortuna: mezza squadra fuori

Fra pochi giorni farà finalmente ritorno anche il campionato di calcio di Serie A, dopo il turno di pausa dovuto agli impegni delle varie nazionali in Nations League. Una settimana che, per alcune squadre in particolare, è stata una sorta di boccata d’ossigeno, visti i tanti infortuni e le varie defezioni. In questo senso, senza ombra di dubbio, una fra le squadre che sono state maggiormente colpite è il Milan. La compagine rossonera, infatti, è stata costretta ad affrontare alcuni forfait di lusso, che lo porteranno, almeno fino alla finestra di mercato di gennaio, a giocare con gli uomini contati.

MilanIl reparto del Milan più colpito dalle assenze, con ogni probabilità, è quello della retroguardia. Se, infatti, a inizio stagione i rossoneri avevano già perso Strinic, e al contempo è stato costretto ad affrontare le ricadute di Conti, ben presto si sono aggiunti anche Caldara e Musacchio. La situazione del difensore prelevato nella scorsa estate dalla Juventus, in occasione di uno scambio alla pari con Leonardo Bonucci, è quella che desta maggiori preoccupazioni al team di Gattuso. Difficilmente, infatti, l’ex atalantino sarà in grado di recuperare entro la fine della stagione. Più facile il recupero di Musacchio, che però ne avrà almeno fino a inizio 2018. In extremis, inoltre, in Nazionale si è fatto male Romagnoli, perdita pesantissima.

Ma anche il centrocampo del Milan è pieno di piccoli campanelli d’allarme. Biglia e Bonaventura, i due uomini di maggior qualità, sono stati costretti ad alzare bandiera bianca, e per qualche mese non saranno a disposizione. Ci sono, poi, numerosi giocatori che abbisognano di essere costantemente monitorati, e che di recente hanno sofferto di diversi acciacchi fisici da non sottovalutare. Su tutti, Calabria, Kessié, Calhanoglu e Cutrone.

A ciò si aggiunge anche il sicuro forfait di Higuain per i prossimi due impegni, in particolar modo contro la Lazio. L’argentino ha rimediato un’espulsione contro la Juventus, e quindi sarà squalificato.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*