Marek Hamsik saluta il Napoli dopo dodici anni

La ventiduesima giornata del campionato di Serie A, la terza per quel che concerne il girone di ritorno, è andata in porto solamente nelle scorse ore, eppure ha consegnato agli annali una serie di spunti di riflessione di straordinaria importanza. Non solamente per quel che concerne l’inerzia del torneo, con la terza battuta d’arresto della Juventus a conferma di un periodo non propriamente brillante per la Vecchia Signora. Soprattutto, come un fulmine a ciel sereno, è stato il turno che ha segnato l’addio di uno dei grandi protagonisti del calcio italiano dell’ultimo decennio: dopo 12 stagioni vissute da grande protagonista, infatti, Marek Hamsik lascia il “suo” Napoli.

Hamsik NapoliMarek Hamsik ha indissolubilmente legato la propria figura al Napoli, tanto che, in tanti anni di permanenza, ne è divenuto addirittura il capitano. E se spesso si dice che i numeri hanno più peso delle parole, quelli che il centrocampista slovacco ha portato in dote al club partenopeo sembrano conservare la grana dell’incancellabile, il retrogusto della leggenda: 520 presenze complessive, 121 marcature collezionate in tutte le competizioni. Neppure un nome come quello di Diego Armando Maradona, che dalle parti del capoluogo campano è più di un mito, può avvicinarsi ad un bottino così prestigioso.

Va detto, tuttavia, che già da diversi mesi a questa parte si vociferava di un possibile addio di Hamsik al Napoli, tanto che molti addetti ai lavori pronosticavano una partenza durante la sessione estiva di mercato: il centrocampista, d’altronde, presto compirà 32 anni, e nelle ultimissime stagioni, sul campo, il suo rendimento aveva dato la sensazione di essere in lento ma costante declino.

L’offerta del ricco Dalian Yifang, club cinese che già alcuni mesi fa riuscì a far suo l’attaccante belga Carrasco, capitava giusto a fagiolo: peraltro, in un momento in cui il Napoli aveva già dovuto salutare Champions League e Coppa Italia, mentre in campionato il distacco dalla Juventus sembra essere troppo sensibile per poter essere davvero recuperato. De Laurentiis, così, si assicurerà un sostanzioso assegno da 20 milioni di euro (più un eventuale bonus di 5 milioni al raggiungimento di eventuali obiettivi), mentre il giocatore godrà di un contratto di 9 milioni annui.

1 Trackback / Pingback

  1. Napoli, pari amaro contro il Torino: la Juve scappa - Tutto Sport

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*