Marchisio, ecco la nuova squadra: è lo Zenit

Alla fine, in un modo o nell’altro, pur se in grande ritardo, un italiano riuscirà a mettere piede in Russia. A diverse settimane di distanza dal campionato del mondo del 2018, e pochi giorni dopo dal clamoroso annuncio che ne annunciava la rescissione contrattuale con il suo storico club, la Juventus, Claudio Marchisio riparte dello Zenit San Pietroburgo. Una decisione giunta quasi a sorpresa, e che è già stata ufficializzata da tutte le parti in questione.

MarchisioMarchisio, di comune accordo con la Vecchia Signora, aveva sciolto il legame che lo univa alla società bianconera da praticamente tutta la vita calcistica. Una scelta, questa, particolarmente dolorosa non soltanto per il centrocampista azzurro, conscio di essere oramai ultimo nelle gerarchie del tecnico Massimiliano Allegri, ma anche per i tifosi della Juventus, per i quali il giocatore era un vero e proprio idolo.

Lo scalpore generato dalla notizia, tuttavia, aveva ben presto lasciato spazio alla curiosità: che cosa avrebbe fatto a quel punto, Marchisio, dopo aver detto addio alla squadra di una vita? A quale compagine sarebbe arrivato, con 32 primavere sulle spalle, per cercare di rilanciare una carriera che ha vissuto degli anni scintillanti, ma che, da un paio di stagioni, complici anche alcuni gravissimi infortuni, si è praticamente arenata?

Le voci che circolavano erano di quelle importanti, e molte di esse, scartata qualsiasi ipotesi “italiana” (nonostante, sembra, un forte interessamento da parte della Roma), portavano alla Francia ed alla Spagna. Destinazioni, tuttavia, messe infine da parte dallo stesso Marchisio, che si è invece detto convinto del progetto tecnico dello Zenit di San Pietroburgo, il più forte club russo degli ultimi anni.

Il giocatore ha così firmato un contratto biennale con la sua nuova squadra, alla quale, pertanto, sarà legato fino alla stagione 2019-2020. Altri numeri pesantissimi: vestirà la casacca con il numero 10, mentre percepirà un ingaggio da addirittura 6,5 milioni di euro all’anno.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*