Il lungo addio di Spalletti che sta logorando la Roma

Inter e Tottenham nel futuro di Luciano Spalletti, il cui rapporto con la Roma di James Pallotta sembra essersi logorato del tutto.

La rottura tra Luciano Spalletti e la Roma sembra ormai consumata e a giugno l’addio pare ormai inevitabile. Il tecnico di Certaldo era tornato a Roma per portare a casa almeno un trofeo, completando il lavoro iniziato alcuni anni prima, ma le delusioni in Coppa Italia ed Europa League di quest’anno rappresentano un fardello troppo pesante che ha causato malumori nell’ambiente giallorosso.

Spalletti non vuole più essere il capro espiatorio di tutti i fallimenti della Roma di James Pallotta. Il tecnico ha provato a scrollarsi di dosso la fama di eterno secondo, spronando la società a fare un ulteriore salto di qualità per puntare dritti verso lo scudetto riducendo il gap dalla Juventus. Ma il campo ha parlato chiaro: la Juventus è ancora una spanna avanti a tutte.

La squadra ormai appare vuota e priva di obiettivi, testimonianza ne è la prestazione abulica contro l’Atalanta. Luciano Spalletti sembra voler trovare altrove nuove motivazioni per provare ad arricchire il proprio palmares di allenatore. Le sirene provenienti dall’Inter e dal Tottenham lo ammaliano da tempo, mentre il progetto di Pallotta non sembra essere quello giusto per rilanciare le ambizioni del club giallorosso. L’ultimo capitolo di un rapporto ormai logoro tra il tecnico toscano e l’ambiente giallorosso è la freddezza con Francesco Totti. Il tecnico di Certaldo, in questa stagione, gli ha concesso solo pochissimi minuti, rendendo amaro il suo ultimo anno con la maglia giallorossa. Una pecca che ha indispettito anche i tifosi giallorossi che adesso sembrano davvero pronti ad accettare l’addio di Spalletti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*