Juventus, eccoti Perin: che coppia con Szczesny!

Quando si chiude una porta, si apre un portone, recita un vecchio detto. Nel caso della Juventus, tuttavia, la saracinesca rimane abbassata, sigillata, anche dopo l’addio del suo più illustre difensore. Dopo diciassette stagioni a dir poco straordinarie, Gianluigi Buffon ha salutato la Vecchia Signora, lasciando un’eredità pesantissima. La dirigenza bianconera, tuttavia, già da tempo lavorava in questa direzione, tanto che l’acquisto del polacco Wojciech Szczęsny, lo scorso anno, fu solo il primo tassello per il dopo-Buffon. Il mosaico, infatti, sarà completato già entro i prossimi giorni, forse addirittura nel giro di poche ore: Mattia Perin, infatti, è ormai pronto a trasferirsi all’ombra della Mole.

Mattia Perin JuventusMattia Perin, classe ’92, è certamente tra i migliori portieri italiani dell’ultimo lustro, tanto che, sin dalla più giovane età, era stato indicato proprio come uno fra i più accreditati successori del Gigi nazionale. In fin dei conti, l’esperienza quinquennale con il Genoa, al netto di due brutti infortuni patiti ai legamenti crociati (oramai alle spalle), è stata estremamente positiva, tanto da consentirgli di ricevere addirittura i gradi di capitano a soli 24 anni.

Adesso, che le primavere sono diventate 25 (saranno 26 il prossimo 10 novembre), Perin sembra essere pronto anche per compiere il definitivo salto di qualità. In uno stadio, quello della Juventus appunto, che sembra averlo già adottato come uno dei suoi beniamini, dopo la buona sfida amichevole tra Italia e Olanda di alcuni giorni fa, dove il portiere è stato fra i migliori in campo.

Con il Genoa, oramai, l’operazione sembra essere giunta al suo stadio finale. Rimangono da limare alcuni dettagli economici, ma l’accordo di massima è stato raggiunto sulla base di circa 12 milioni di euro più eventuali bonus. Certamente un buon colpo per la Juventus, che con poco meno di 30 milioni si è assicurata le prestazioni di Szczesny e Perin, due fra i migliori interpreti del ruolo in Serie A degli ultimi anni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*