Juve, Dybala in bilico: resta o va via?

Manca ormai un mese, giorno più giorno meno, alla conclusione di questa sessione estiva di calciomercato. In Italia, senza ombra di dubbio, le due squadre più attive sono state il Milan e la Juventus. I rossoneri hanno stupito per la forza con la quale hanno fatto irruzione sul mercato, forti della liquidità dei nuovi proprietari cinesi, dopo alcuni anni di stallo. Tanti sono stati i colpi messi a segno dalla società rossonera, cui poi hanno fatto seguito quelli della Vecchia Signora. Marotta e Paratici, infatti, hanno regalato a Massimiliano Allegri diversi giocatori come Douglas Costa, Federico Bernardeschi o Mattia De Sciglio. E, tuttavia, continua adesso a tener banco la questione circa Paulo Dybala.

DybalaVentitré anni appena, Paulo Dybala, in soli due anni alla Juventus, si è consacrato sul palcoscenico internazionale come uno dei maggiori talenti degli ultimi tempi. Considerato da molti come l’erede di Leo Messi, l’argentino, a Torino, ha regalato colpi di classe, ottime prestazioni e gol a grappoli: 42 in 94 presenze, realizzati in praticamente ogni competizione alla quale ha preso parte, dal campionato alla Coppa Italia, dalla Champions League alla Supercoppa Italiana.

Tuttavia, pare che il calciomercato adesso stia per essere scosso da alcuni affari a dir poco clamorosi, e che potrebbero anche vederlo coinvolto. Il motore degli eventi, in questo senso, pare essere Neymar: l’attaccante brasiliano, attualmente in forza al Barcellona, ha ricevuto un’offerta a dir poco incredibile da parte del Paris Saint Germain, che lo starebbe facendo tentennare. Se la cosa andasse clamorosamente in porto, il Barcellona potrebbe dunque decidere per investire i tanti soldi incassati dalla sua cessione proprio su Paulo Dybala.

In realtà, in una recente intervista, Dybala ha dichiarato di essere felice alla Juventus, confermando la volontà di rimanere. E, tuttavia, la decisione spetta principalmente alla società, che in caso di offerta irrinunciabile (parliamo di cifre superiori ai 100 milioni di euro) difficilmente potrebbe sottrarsi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*