Italia a metà contro il Portogallo, è ancora 0 – 0

Serviva una vittoria all’ Italia, nella sua ultima gara del girone di Nations League, contro il favoritissimo Portogallo, per sperare di mantenere in vita le ultime speranze circa il raggiungimento del primo posto ai danni degli stessi lusitani. Una vittoria che, però, pur a fronte di una prestazione piuttosto incoraggiante, soprattutto durante i primi 45 minuti di gioco, alla fine non è arrivata.

Chiellini BBC ItaliaIl problema, per l’ Italia, rimane sempre lo stesso: quello di non riuscire a concretizzare le varie occasioni create, mantenendo troppo spesso a zero lo score dei gol realizzati. Un problema al quale il commissario tecnico Roberto Mancini, pur lavorando con grande solerzia, non è riuscito a trovare la giusta soluzione.

Un primo tempo, dicevamo, condotto molto bene dall’ Italia contro un Portogallo superiore sulla carta, sia dal punto di vista tecnico che da quello mentale, con una solidità ed una consapevolezza nei propri mezzi particolarmente matura. Azzurri spreconi tuttavia, soprattutto con Ciro Immobile, che in almeno un paio di occasioni non è riuscito a rifilare la zampata decisiva.

Nella seconda frazione di una gara che ha raccontato anche varie storie individuali, come la centesima presenza di Giorgio Chiellini o la pioggia di fischi ricevuta da Leonardo Bonucci nello stadio, il Giuseppe Meazza di San Siro, che l’ha ufficialmente ripudiato dopo l’infelice parentesi al Milan nello scorso anno, gli Azzurri accusano un calo fisico quasi naturale, aprendo spazi ai contropiedi del Portogallo. Nulla da fare neanche in questo caso, comunque: i lusitani, che per conquistare il primo posto necessitano di un semplice punto, non spingono più di tanto, e la partita termina sullo 0 – 0.

A questo punto il Portogallo, pur dovendo ancora giocare l’ultima gara del gruppo contro la Polonia, conquista matematicamente il primo posto. L’ Italia, invece, che tra qualche giorno tornerà in campo nell’amichevole contro gli Stati Uniti, deve accontentarsi della seconda piazza.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*