Italia mediocre ma vincente contro Albania, le pagelle

Nell’ultimo match del proprio girone di qualificazione per i campionati mondiali di Russia 2018, l’ Italia è riuscita a riportare una vittoria molto preziosa contro l’Albania: i tre punti, infatti, consentono agli Azzurri di raggiungere i playoff rientrando tra le quattro teste di serie. La prestazione, tuttavia, ancora una volta è stata ampiamente preoccupante, e di certo servirà qualcosa di più per gli spareggi. Ad ogni modo, ecco le nostre pagelle.

Buffon Italia EuropeiBuffon 6: Il capitano dell’ Italia conferma il periodo di forma non propriamente smagliante, non dimostrandosi sicuro su alcuni interventi. Tuttavia, almeno per questa sera non subisce gol, contribuendo a sigillare la porta con una parata complicata su Grezda al 63° minuto.

Darmian 5,5: Un’altra prova sottotono, e francamente non si riesce più a capire, tra i tanti alti e bassi, quale sia il vero Darmian. Quello visto in questo doppio impegno, certamente, non è all’altezza. (Dal 61° Zappacosta 5,5: Non troppo meglio rispetto al terzino dello United: anzi, la sua spiccata propensione offensiva offre delle praterie ai contropiedi albanesi, fortunatamente non sfruttati dagli avversari.)

Bonucci 5,5: AAA Bonucci cercasi. Quello vero però, del quale l’ Italia in questo momento avrebbe fortemente bisogno. Leggermente meglio rispetto alla gara contro Macedonia, anche stasera rimane sotto la sufficienza, regalando anche una clamorosa occasione All’Albania al 65°, fortunatamente sventata da Chiellini.

Chiellini 6,5: Nuovamente il migliore degli Azzurri, per distacco. Come detto sopra, risulta anche decisivo nel coprire certi svarioni dei compagni. Fra i veterani, è l’unico a rispondere presente con una prova delle sue, dando un buon esempio che, tuttavia, non viene seguito.

Spinazzola 6: Non particolarmente brillante, ma del resto è in buona compagnia. Cerca tuttavia di offrire un minimo di continuità, tanto da pennellare anche l’assist per il gol della vittoria dell’ Italia.

Parolo 5,5: Spiace bocciarlo per la seconda volta, anche perché a differenza di molti altri compagni ci mette almeno un po’ di gamba e un minimo di voglia: il problema principalmente è il modulo, che lo penalizza notevolmente tanto da farlo sembrare una sorta di pesce fuor d’acqua.

Gagliardini 5: Anche qui una nuova bocciatura, e, di nuovo, le responsabilità sono anche di chi ce lo mette in quel ruolo. Se, però, non fa male nell’interdizione, in fase di appoggio e di impostazione offre una prestazione a dir poco imbarazzante, rendendosi protagonista di tantissimi errori.

Candreva 6: Molto fumoso, nonostante, rispetto ad altri compagni, sia inserito in uno schema che pare più compatibile rispetto alle sue qualità. Sbaglia parecchio, fatica ad accendere la lampadina, ma firma il gol che regala i tre punti all’ Italia, anche grazie ad un liscio dei difensori albanesi: mezzo punto in più per questo.

Immobile 6: Lo salviamo dalla matita rossa, perché per buona parte della gara si ritrova a predicare in mezzo al deserto: è fra i pochi, in questo senso, a palesare un po’ di determinazione, e a provare qualche sortita offensiva. L’ Immobile della Lazio, però, è un lontano parente.

Eder 5: Tanta corsa a vuoto, poi il nulla cosmico. Finisce dietro la lavagna, inevitabilmente, e qui gli alibi sono davvero pochi. (Dall’89° Gabbiadini: s.v.)

Insigne 5,5: Per gran parte del match si ritrova a fare quasi il terzino, giocando lontanissimo dalla porta. Altra vittima di un 4-2-4 che ne soffoca il talento, ci mette anche del suo alienandosi dal gioco, quando invece ci si aspetterebbe qualche intuizione decisiva. (Dal 92° El Shaarawy: s.v.)

Ventura 5: l’ Italia doveva vincere per non rischiare uno spareggio difficile, e perlomeno la vittoria è arrivata. La gara però è un altro calvario, e l’insistenza nel 4-2-4 assomiglia ad una sorta di accanimento terapeutico: il morto, in questo caso, è il gioco, totalmente assente…

1 Trackback / Pingback

  1. Pallone d’Oro, tra i magnifici 30 anche Buffon e Bonucci - Tutto Sport

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*