È un’ Inter da Scudetto, Atalanta KO e neroazzurri secondi

Nel primo posticipo di questa tredicesima giornata del campionato di Serie A, l’ Inter ha conquistato la sua decima vittoria, strappando così la seconda posizione alla Juventus e riportandosi sulla scia del Napoli di Maurizio Sarri. I neroazzurri, così, sembrano gli unici, per costanza di rendimento e determinazione, in grado di contrastare il gioco dei partenopei, tanto che a farne le spese è stata addirittura l’Atalanta, una fra le più interessanti realtà calcistiche che il Belpaese abbia saputo esprimere in queste ultime stagioni.

Spalletti InterL’ Inter, in questo senso, è una delle uniche due compagini ancora imbattute del torneo, proprio al pari dello stesso Napoli. Una striscia positiva che si è allungata ulteriormente alcuni minuti fa, allorché il capitano Mauro Icardi, con una doppietta di testa, ha spento le ambizioni di Gomez e compagni, costretti a fermarsi a metà classifica.

Una formazione, quella neroazzurra, che ha beneficiato in modo eccellente dell’innesto del nuovo tecnico, Luciano Spalletti, particolarmente abile nel creare un amalgama con il materiale a disposizione: l’allenatore livornese è riuscito là dove i suoi predecessori avevano fallito nelle scorse stagioni, restituendo un’anima e un gioco a una squadra, l’ Inter appunto, che probabilmente in tutto l’arco del post-Mourinho non aveva mai conosciuto un momento di tale splendore.

Presto per stabilire se questa Inter sarà in grado o meno di conquistare lo Scudetto alla fine di questa stagione, ma con un Icardi così, con 13 gol messi a segno, in tutti i modi, in 13 partite, nulla sembra davvero impossibile. Per l’Atalanta, invece, si tratta già del quinto KO in questo primo scorcio di campionato, uno score praticamente agli antipodi rispetto a quello, strabiliante, ottenuto nella scorsa annata. Gasperini, adesso, dovrà essere bravo nel rimettere insieme tutti i pezzi, anche per non compromettere un cammino in Europa League che, fino a questo momento, è stato molto promettente.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*