Inter, assalto anche a Robben dopo Godin?

Il calciomercato estivo promette fuoco e fiamme, benché sia appena iniziata la sessione invernale e, d’altronde, siamo soltanto al giro di boa della stagione. Se, effettivamente, con l’inizio del 2019, si è aperta la finestra di riparazione di gennaio, molte squadre stanno in realtà già pianificando le proprie mosse e le strategie in vista dell’annata che inizierà il prossimo mese di agosto. E una delle società più scatenate, che sta tentando in ogni modo di accorciare la distanza che ancora la separa dalla Juventus, è l’ Inter. La compagine nerazzurra ha accolto fra le proprie fila un dirigente del calibro di Beppe Marotta, che fino a pochi mesi fa era uno dei fautori del mercato della stessa Juventus. E, compatibilmente con una linea inaugurata già qualche tempo fa, sta cercando di rinforzare sempre di più il proprio profilo tecnico, approfittando anche delle opportunità che il mercato offre. E fra i tanti parametri zero che saranno disponibili a partire dalla prossima estate, due in particolare stanno incendiando i sogni nerazzurri: Diego Godin e Arjen Robben.

RobbenSe di Diego Godin abbiamo già parlato nelle scorse ore, rivelando come il suo arrivo all’ Inter dovrebbe oramai essere una semplice questione di dettagli, ben più in salita pare essere la trattativa che porterebbe Robben a Milano. D’altronde, non si può discutere sulle innegabili qualità dell’ala olandese, fra i migliori al mondo in assoluto negli ultimi quindici anni. Tuttavia, la stessa dirigenza nerazzurra nutre ancora delle perplessità sulla bontà dell’intera operazione.

Anzitutto, se è vero che Robben si libererà gratuitamente dal Bayern Monaco nei prossimi mesi, le sue richieste economiche per legarsi ad una nuova squadra potrebbero essere comunque piuttosto elevate per gli standard dell’ Inter. A maggior ragione considerando che, fra pochi giorni, compirà 35 anni, e che in passato ha accusato numerosi infortuni: consacrandosi sì come un campione straordinario, ma anche come un giocatore di cristallo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*