Icardi salva l’ Inter, Bologna frenato da un rigore

La quinta giornata del campionato di Serie A, in questo turno infrasettimanale, si è aperta con un anticipo dal risultato per certi versi inaspettato: a Bologna, l’ Inter, che proveniva da una striscia di quattro vittorie consecutive, è stata costretta ad uno stop forzato dai padroni di casa, che di contro hanno disputato un match a dir poco eccellente, meritando probabilmente più di un modesto pareggio.

InterEffettivamente la prestazione offerta dal Bologna, contro una squadra di gran lunga più quotata come l’ Inter è stata particolarmente generosa: gli emiliani, schierati egregiamente in campo pur con diverse assenze, hanno interpretato la partita con intelligenza ed umiltà, concedendo pochissime azioni agli avversari, e rendendosi micidiali in fase di ripartenza.

Non a caso, presumibilmente, l’ Inter ha giocato la sua peggiore gara finora in questa stagione, confermando anche lo scarso stato di forma già visto qualche giorno fa contro il Crotone. Ed anzi, dopo aver sfiorato in diverse occasioni la marcatura, è stato proprio il Bologna, nel primo tempo, a trovare per primo il vantaggio: a siglarlo è stato il giovane Verdi, fra i migliori in campo per distacco, che dalla distanza ha battuto Handanovic con un siluro mancino al termine di una sgroppata inarrestabile.

L’ Inter ha accusato il colpo e ha rischiato di capitolare a più riprese, gli attaccanti neroazzurri hanno le polveri bagnate e faticano a creare un gioco adeguato. E così, al 75°, la proverbiale manna dal cielo si incarna in un improbabile calcio di rigore, procurato da uno sfortunatissimo Mbaye: il difensore bolognese si sbilancia in area e frana su Eder, l’arbitro dopo la consultazione del VAR indica il dischetto. Una decisione criticatissima da Donadoni, fatto sta che Icardi, fin lì ectoplasmico, trasforma nel gol che vale l’1 – 1 finale.

La corsa di Spalletti, dunque, si ferma dopo quattro gare, ma in attesa delle altre partite della quinta giornata riesce a mantenere il primato in classifica.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*