Hamilton attacca la Ferrari: “punta solo su Vettel”

Il sesto gran premio dell’edizione corrente della Formula 1, in quel di Monte Carlo, ci ha riconsegnato alcuni verdetti a dir poco ineccepibili. Se, infatti, da una parte è stata palese la supremazia della Ferrari, con Vettel e Raikkonen capaci di conquistare i primi due gradini del podio, dall’altra abbiamo assistito ad una sorta di tracollo delle Mercedes di Bottas e di Hamilton. Il britannico, in particolare, confermando le prestazioni poco brillanti ottenute nelle qualifiche, non è riuscito ad andare oltre un opaco settimo posto, perdendo ulteriore terreno rispetto alla rossa del rivale tedesco.

Lewis Hamilton MercedesForse anche a causa di questa prova incolore, Lewis Hamilton ha rilasciato una serie di dichiarazioni che, se da un lato celano un certo sentimento di frustrazione, dall’altra probabilmente mirano a destabilizzare un ambiente, quello della Ferrari appunto, che al momento sta godendo di un grandissimo entusiasmo. In questo senso, infatti, ciò che ha detto il pilota delle frecce d’argento all’indomani della corsa di Monaco è stato praticamente inconfutabile.

Hamilton, infatti, ha praticamente accusato la scuderia italiana di aver già deciso chi è il suo pilota numero uno. “Mi sembra evidente”, ha detto il corridore inglese, “che la Ferrari ha già scelto il suo titolare. Infatti stanno facendo di tutto per far ottenere a Vettel il massimo, in ogni weekend.”

Un messaggio chiaro, e che evidentemente punta anche sull’orgoglio di Raikkonen, per cercare di mettere un po’ di zizzania in casa Ferrari. Ma, benché il pilota finlandese, che in questo momento si sta ritrovando a far da gregario a Vettel, non è parso particolarmente felice del secondo posto ottenuto a Monaco, è davvero difficile credere che un corridore del suo calibro e della sua esperienza, vicino ai 38 anni, possa farsi confondere le idee da un avversario come Hamilton, che in questo preciso momento sta attraversando tutta una serie di difficoltà impreviste alla vigilia del mondiale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*