GP Malesia, il graffio di Dovizioso: Marquez solo 4°, si decide tutto a Valencia

dovizioso marquez valenciaQuando tutto sembrava pronto per la festa di Marc Marquez, ecco l’imprevisto che fa saltare tutto e rimanda gli invitati a casa. L’imprevisto in questione ha un nome e cognome: Andrea Dovizioso, che va a vincere il Gran Premio della Malesia tenendo ancora completamente aperta la corsa al titolo mondiale.

Ora il testa a testa tra il pilota forlivese e lo spagnolo verrà deciso all’ultima gara, quella in programma sul circuito di Valencia. Marquez ci arriverà con un vantaggio ancora piuttosto cospicuo: i 21 punti di distacco da Dovizioso possono permettergli di gestire, ma la storia del motociclismo è piena di ribaltoni ed ogni gara può diventare una sorpresa. Specialmente l’ultima.

Sulla pista bagnata, Dovizioso ha conquistato il sesto successo stagionale: il pilota della Ducati può ringraziare anche il collega di scuderia, Jorge Lorenzo, autore di una grande gara e secondo al traguardo. Lorenzo avrebbe probabilmente vinto se non avesse avuto quel ‘dritto’ a 5 giri dal termine che ha spalancato le porte del successo al forlivese. Ancora molto positivo Zarco, che chiude al terzo posto dopo una prima parte di gara da protagonista.

Il quarto posto di Marc Marquez consegna il titolo costruttori alla Honda, ma chiaramente ciò che conta per tutti è la classifica piloti: lo spagnolo in questo GP ha dato l’impressione di non voler forzare la mano e di ‘portare i punti a casa’. Pedrosa giunge quinto al traguardo, mentre Valentino Rossi finisce soltanto settimo. Ancora più dietro Maverick Vinales, giunto nono. Bravissimo Petrucci: partito dalle retrovie per problemi alla sua Pramac, risale fino a chiudere ottimamente sesto.

In Moto2 trionfo di Morbidelli! L’italiano diventa campione già prima del via a causa del forfait di Luthi: in gara giunge al terzo posto (vince Oliveira). In Moto3 decimo successo stagionale per il già campione Joan Mir. Molto bene Bastianini, che taglia il traguardo al terzo posto.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*