Goodbye Frankie, anche Lampard si ritira dal calcio

Gli ultimi mesi, per quel che concerne il mondo del calcio, sono stati fortemente caratterizzati dai ritiri di alcuni grandi campioni. Vecchie e romantiche conoscenze della nostra Serie A, come Miroslav Klose e Antonio Di Natale, dopo alcuni mesi di indecisione avevano infatti deciso di appendere gli scarpini al chiodo. Sorte analoga poi toccata a Steven Gerrard, leggendario capitano del Liverpool. Negli scorsi giorni, infine, è stata la volta di un’altra grandissima bandiera del calcio inglese: Frank Lampard, infatti, si è ritirato a 38 anni.

LampardSembra quasi inutile ricordare che Frank Lampard sia stato uno dei più grandi campioni degli ultimi vent’anni. Considerato da molti esperti e addetti ai lavori come uno fra i migliori centrocampisti della sua generazione, Lampard ha consacrato la propria statura calcistica al Chelsea, presso il quale si è legato in maniera indissolubile spendendo ben 13 stagioni della propria carriera: per un totale di 648 presenze e 211 marcature, condite da una Champions League, una Europa League, 3 titoli di Campione d’Inghilterra e svariate altre competizioni nazionali. Senza scordare, naturalmente, tutti i riconoscimenti ricevuti a titolo individuale.

Ma non solo: negli ultimi anni, Lampard ha vestito le maglie del Manchester City e del New York City, ergendosi sempre con la propria classe, con l’innato carisma e con la consueta eleganza. Bandiera della Nazionale Inglese, che ha rappresentato in 106 occasioni e nei tornei più importanti (tre Mondiali e un Europeo), il centrocampista britannico aveva ormai compreso di essere giunto all’epilogo, decidendo di affidare ai social network i propri pensieri ed i propri ringraziamenti.

“Dopo 21 anni incredibili”, si legge tramite il profilo Instagram ufficiale dell’ormai ex calciatore, “ho deciso che era giunto il momento di mettere la parola fine alla mia carriera di professionista.” Tanti i ringraziamenti, sia ai familiari più stretti che ai tanti amici, collaboratori e compagni di squadra con cui ha avuto a che fare per oltre due decenni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*