Di Francesco supera Pioli: è lui l’uomo della rivoluzione per la Fiorentina

I Della Valle scaricano Pioli dopo le recenti prestazioni della sua Inter e virano decisamente su Eusebio Di Francesco, l’obiettivo più facile e fisiologico.

Stefano Pioli adesso non convince nemmeno la Fiorentina. Il tecnico parmigiano che era finito in cima alla lista dei desiderata dei Della Valle per la panchina viola, adesso è scivolato alle spalle di Di Francesco che torna in pole per la sostituzione di Paulo Sousa. Si tratta dell’operazione più semplice per il club gigliato e quella che meglio si adatta alla politica dei giovani tanto cara all’attuale allenatore del Sassuolo.

Un corteggiamento durato diversi anni quello della proprietà gigliata al tecnico abruzzese che da tempo medita di fare il grande salto lasciando il Sassuolo al proprio destino. ‘Qua non si può vincere la Champions’ ha sussurrato a un cronista Di Francesco dopo la sfida pareggiata per 2-2 contro il Napoli. Anche la clausola da 3 milioni di euro sul proprio contratto sembra ormai essere un ostacolo non insormontabile anche se Squinzi, il presidente del club emiliano, è ancora indispettito per l’incontro tra Corvino e il suo allenatore avvenuto alcuni mesi fa.

I Della Valle potranno fare leva sugli ottimi rapporti con l’ex presidente di Confindustria per limare eventuali ostacoli e per dare il via ad un nuovo ciclo che potrebbe ridare linfa ad una squadra che pare giunta ormai su un binario morto. Nell’anno della rivoluzione totale, la Fiorentina vuole puntare su un allenatore che ha fame di successo come Eusebio Di Francesco, che a Sassuolo si è fatto le ossa dimostrando di avere idee e capacità di saper plasmare i giovani.

Berardi, Zaza, Pellegrini sono solo alcuni nomi fra quelli illustri che sono diventati giocatori di primo livello dietro i suoi sapienti consigli. Di Francesco potrebbe portare con sé, due pedine care a lui come Defrel e Duncan. Colonne portanti del suo progetto tattico che ben si integrerebbero con il resto della truppa. Pioli, ormai, sembra solo uno sbiadito ricordo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*